Menu

Vedo e prevedo…

3/04/2017 – A partire dal 2020 i diesel perderanno quote di mercato in tutta Europa a vantaggio delle vetture ibride. Ciò avverrà sotto la spinta delle normative europee e degli stringenti target di emissioni di CO2. Entro il 2030 il mix di propulsori auto europei vedrà quelli alternativi sostituire in modo significativo quelli convenzionali, con al primo posto i motori ibridi a benzina (28%), seguiti da quelli a benzina (25%), dagli elettrici (20%) che diventeranno economicamente più convenienti, dagli elettrici plug-in (18%) e, quindi, dai diesel (9%). Il gas (metano e Gpl) rimarrà, in Europa, una soluzione efficiente per il mercato aftermarket e transitoria per il primo impianto, in attesa dell’elettrificazione diffusa, con volumi variabili in funzione del prezzo del petrolio e dalle politiche di incentivazione dei diversi Paesi. Affinché le infrastrutture possano supportare questo processo di evoluzione saranno però necessari, nei prossimi 15 anni, investimenti per 3.700 miliardi di euro. 

Sono questi i principali trend che emergono dall’analisi condotta, a livello europeo, dalla società globale di consulenza aziendale AlixPartners dal titolo “Emissioni: sempre più vicina l’Era dell’ibrido e dell’elettrico”, i cui risultati sono stati illustrati da Giacomo Mori, Managing Director, nel corso di #FORUMAutoMotive. La ricerca evidenzia come siano stati compiuti evidenti passi in avanti nella riduzione delle emissioni, ma anche come nei prossimi 15 anni l’industria automobilistica abbia davanti a sé una sfida tutta incentrata sull’ulteriore abbattimento delle emissioni. Raggiungere i target attesi in termini di emissioni di COper il 2030 sarà possibile solo se una quota significativa di veicoli ibridi ed elettrici sostituirà le vetture con i propulsori attuali.

 


In primo piano
Vogliamo il Superammortamento

21/11/2017 – Consentire a chi acquista autovetture nuove come beni strumentali di usufruire del Superammortamento anche nel 2018. È questa, in estrema sintesi la richiesta di Anfia, Aniasa, Assilea, Federauto e Unrae in rappresentanza dell'intero settore automobilistico nazionale, e con il supporto delle Confederazioni di riferimento, Confindustria e Confcommercio.

Leggi tutto
Tesla s’allarga ai truck

19/11/2017 – Non solo auto per Tesla che, lo scorso 16 novembre, con una ventina di giorni di ritardo rispetto a quanto annunciato in prima battuta (dove essere svelato il 26 ottobre), ha mostrato al pubblico un truck elettrico.

Leggi tutto
Al via con gli invernali

15/11/2017 - Il 15 novembre sono scattate le ordinanze di obbligo di circolazione con pneumatici invernali o catene a bordo.

Leggi tutto
L’automotive italiano cresce

12/11/2017 - Secondo i dati preliminari comunicati dall’Anfia (l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), nei primi nove mesi dell’anno in corso, la produzione italiana di autovetture registra una crescita del 5 per cento (oltre 560mila vetture), mentre il totale degli autoveicoli prodotti sfiora le 860mila unità, pari a una crescita del 3,5 per cento.

Leggi tutto