Menu

Vedo e prevedo…

3/04/2017 – A partire dal 2020 i diesel perderanno quote di mercato in tutta Europa a vantaggio delle vetture ibride. Ciò avverrà sotto la spinta delle normative europee e degli stringenti target di emissioni di CO2. Entro il 2030 il mix di propulsori auto europei vedrà quelli alternativi sostituire in modo significativo quelli convenzionali, con al primo posto i motori ibridi a benzina (28%), seguiti da quelli a benzina (25%), dagli elettrici (20%) che diventeranno economicamente più convenienti, dagli elettrici plug-in (18%) e, quindi, dai diesel (9%). Il gas (metano e Gpl) rimarrà, in Europa, una soluzione efficiente per il mercato aftermarket e transitoria per il primo impianto, in attesa dell’elettrificazione diffusa, con volumi variabili in funzione del prezzo del petrolio e dalle politiche di incentivazione dei diversi Paesi. Affinché le infrastrutture possano supportare questo processo di evoluzione saranno però necessari, nei prossimi 15 anni, investimenti per 3.700 miliardi di euro. 

Sono questi i principali trend che emergono dall’analisi condotta, a livello europeo, dalla società globale di consulenza aziendale AlixPartners dal titolo “Emissioni: sempre più vicina l’Era dell’ibrido e dell’elettrico”, i cui risultati sono stati illustrati da Giacomo Mori, Managing Director, nel corso di #FORUMAutoMotive. La ricerca evidenzia come siano stati compiuti evidenti passi in avanti nella riduzione delle emissioni, ma anche come nei prossimi 15 anni l’industria automobilistica abbia davanti a sé una sfida tutta incentrata sull’ulteriore abbattimento delle emissioni. Raggiungere i target attesi in termini di emissioni di COper il 2030 sarà possibile solo se una quota significativa di veicoli ibridi ed elettrici sostituirà le vetture con i propulsori attuali.

 


In primo piano
Bonus-Malus emissioni: è caos

9/12/2018 – Poche idee ma confuse. Questo è il sunto delle ultime decisioni governative nazionali in tema di tasse automobilistiche, già tra le più alte d’Europa.

Leggi tutto
Mercato auto ancora giù

6/12/2018 - Flette anche a novembre il mercato dell’auto in Italia. Le immatricolazioni si sono fermate a 146.991 unità facendo registrare un meno 6,3% su novembre 2017. Nei primi 11 mesi dell’anno si è arrivati a quota 1.785.722, meno 3,5% su gennaio-novembre di un anno fa.

Leggi tutto
Il Gruppo Psa fa cassa

2/12/2018 - Toyota e Psa hanno annunciato il prossimo passo della loro partnership nel mercato europeo, iniziata nel 2012 con la generazione precedente del furgone ProAce, prodotto in Francia alla Sevel Nord.

Leggi tutto
La fattura diventa elettronica

26/11/2018 – Partito il countdown per la fatturazione elettronica che diverrà obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2019 come da Legge di Bilancio 2018. Una misura attraverso la quale Agenzia delle Entrate e Governo puntano da una parte a ridurre l’evasione, dall’altra a semplificare la macchina fiscale con una riduzione degli adempimenti.

Leggi tutto