Menu

Il mercato auto parte in quarta

3/02/2018 – Buone le premesse 2018 per il mercato auto, stando ai primi dati sull’immatricolato nel mese di gennaio. Nel mese appena concluso, in Italia si sono targate 177.822 autovetture, con un incremento sullo stesso periodo del 2017 del 3,36 per cento.

Un risultato in linea con le previsioni formulate dal Centro Studi Promotor per il mercato auto, che, dopo le crescite del 16 per cento nel 2015 e 2016, nonché il più 8 per cento dello scorso anno, nel 2018 dovrebbe salire ancora, anche se a un passo più contenuto, intorno al 4 per cento.

Il risultato di gennaio risente però negativamente dell’incertezza politica nazionale, alimentata dalle imminenti elezioni. Incertezza che ha influenzato anche le imprese, il cui indice di fiducia - in gennaio - è sceso a quota 105,6 punti da 108,7 di dicembre. Più contenuta invece la contrazione per il clima di fiducia sul fronte consumatori, che da 116,6 scende a 115,5.

La fiducia degli operatori auto – da contro - cala di 5,3 punti, passando dai 44,6 di dicembre ai 39,3 di gennaio ed è causata anche dal mancato rinnovo dei superammortamenti per l’acquisto di autovetture strumentali.

In ogni caso, il Centro Studi Promotor stima 2.050.000 immatricolazioni nel 2018 e 2.200.000 nel 2019.

Vedremo se sarà affettivamente così.

In primo piano
Service Day s’avvicina

14/10/2018 - Poco più d’un mese e s’alzerà il sipario sul quello che è il primo evento italiano dedicato alla filiera non solo degli autoriparatori, ma anche di tutti coloro che si occupano della cura e manutenzione dell'auto.

Leggi tutto
Revisioni, un bell’affare

12/10/2018 - Nel primo semestre del 2018 gli italiani per far revisionare le loro auto presso le officine autorizzate private hanno speso oltre 1,464 miliardi di euro, l’1,1 per cento in più dello stesso periodo 2017. A diffondere il dato è stato l’Osservatorio Autopromotec.

Leggi tutto
Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, fa alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Leggi tutto
Così non ci stiamo

3/10/2018 - Stop dal primo ottobre ai veicoli a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0, 1, 2, 3 in molti centri del Nord Italia e anche ai diesel Euro 4 in Emilia Romagna. Limitazioni che, fino al prossimo 30 marzo, interessano almeno 3,5 milioni di veicoli, tra autovetture (2,8 milioni) e furgoni (circa 700mila).

Leggi tutto