Menu

Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno fa dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, espone alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Una decisione scellerata”, secondo Boiani, perché insieme alle limitazioni già in atto esclude dalla circolazione qualcosa come tre milioni tra auto e veicoli commerciali. “La criminalizzazione dei motori a gasolio ha ormai raggiunto livelli incontrollati e incontrollabili, in favore di un’elettrificazione del mercato che non è ancora matura per poter rimpiazzare il parco circolante, a causa dei costi, dei limiti ancora evidenti che questa soluzione porta con sé e soprattutto stante la quasi totale assenza d’infrastrutture.”

Secondo il vicepresidente di AsConAuto, ancora una volta non sarebbe stato adeguatamente valutato l’impatto della circolazione di auto diesel sulla qualità dell’aria, a suo dire “pesantemente influenzata da altri elementi, primo tra tutti il riscaldamento nelle grandi città.:in Europa solo il 20 per cento delle emissioni di CO2 è prodotto dai mezzi di trasporto, mentre il particolato è generato prevalentemente proprio dal riscaldamento.Lo stop obbligato impone spese potenzialmente insostenibili per molte famiglie, che si trovano di fronte a un bivio: acquistare un’auto, anche d’occasione ma sempre recente per scongiurare ulteriori blocchi futuri, o far proseguire gli studi ai figli.”

In primo piano
Giovani talenti cercasi

16/02/2019 – Come ogni anno, anche per questo 2019 Bentley apre le porte ai giovani, dando il via alla campagna di apprendistato per ben cinquantuno posizioni che verranno attivate in autunno.

Leggi tutto
Codice della Strada, (forse) si cambia

14/02/2014 - In questi giorni si fa un gran parlare di biciclette contromano, velocità massima elevata a 150 chilometri orari sulle autostrade. E ancora, divieto di fumo alla guida. Attenzione, però: si tratta solo di proposte di legge di modifica al Codice della Strada,

Leggi tutto
Italia ultima nel recupero veicoli

9/02/2019 – Ebbene sì, siamo fanalino di coda anche sul fronte dei rottami. Secondo i numeri di Eurostat, aggiornati però al lontano 2016, il Bel Paese riciclerebbe in maniera ecocompatibile solo l’82,6 per cento delle parti che compongono un autoveicolo a fine vita.

Leggi tutto
Partenza in negativo

5/02/2019 - Il 2019 parte con il segno negativo per le auto in Italia. Stando ai dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti le immatricolazioni a gennaio si sono fermate a quota 164.864 unità che indicano un calo del 7,6% rispetto a un anno fa.

Leggi tutto