Menu

Ottobre negativo per il mercato auto

4/11/2018 – Ennesima battuta d’arresto per il mercato nazionale dell’auto. Ottobre chiude infatti con un saldo negativo del 7,4 per cento (comunque meglio di settembre) stando ai dati comunicati dall’Anfia, che registra vendite per 146.655 unità. Col mese appena chiuso, che porta a 1.638.364 le immatricolazioni da inizio anno, il calo complessivo rispetto al medesimo periodo del 2017 è del 3,2 per cento. Tra i responsabili del calo il nuovo regolamento Wltp, che ha fatto anticipare le vendite nei mesi estivi e causato la forte battuta d’arresto a settembre.

Analizzando il mercato sul fronte dell’alimentazione dei veicoli, a ottobre 2018 risultano in crescita le immatricolazioni di vetture a benzina (+23 per cento), ibride (+31 per cento) ed elettriche (+183 per cento), mentre calano diesel (-27 per cento), Gpl (-3 per cento) e metano (-63 per cento).

Best seller d’ottobre è la sempreverde Fiat Panda, seguita dalla Lancia Ypsilon e dalla Volkswagen Polo.

In primo piano
Revisioni pesanti, si apre ai privati

15/01/2019 - La Legge di Bilancio 2019, di recente approvazione, interviene positivamente sulla materia delle revisioni dei veicoli pesanti. Lo sostengono Anfia, Federauto e Unrae in un comunicato congiunto.

Leggi tutto
Sulla strada giusta

14/01/2019 - Migliora la situazione sulle strade italiane stando alle stime Aci-Istat basate sui dati preliminari relativi al periodo gennaio-giugno 2018. Gli incidenti con lesioni sono stati 82.942 (in media 460 al giorno, il 3 per cento in meno dello stesso periodo dell'anno precedente), hanno causato 1.480 morti

Leggi tutto
Bonus-malus al via dal 1° marzo

7/01/2019 - Dal 1° marzo 2019 il bonus-malus è realtà. Arrivano, infatti, gli incentivi per favorire l'acquisto di auto nuove a basso grado di emissioni di CO2 e una tassa per chi invece sceglie modelli più inquinanti.

Leggi tutto
Il mercato auto 2018 chiude negativo

6/01/2019 – Alla fine non ce l’ha fatta. Il mercato italiano dell’auto non è riuscito nel colpo di reni in extremis e deve purtroppo chiudere col segno meno.

Leggi tutto