Menu

I soccorsi per una foratura

2/02/2019 – Un po’ c’era d’aspettarselo, vista la tendenza imperante a eliminare la ruota di scorta nelle auto di nuova generazione. Un trend che parte da lontano, quando la classica quinta ruota (quella di ricambio, appunto) uguale alle altre quattro installate a bordo lasciò il posto al ruotino prima, al poco affidabile tire-fit di serie poi e a quello opzionale ora.

Insomma un minus che ha portato la foratura dello pneumatico a essere tra le principali cause di richiesta del soccorso stradale degli italiani, nell’ordine dopo i problemi d’avviamento, i guasti al motore e le batterie scariche: lo rivela una recente indagine di Europ Assistance Italia, basata su rilevazioni effettuate nel 2017-2018.

L’anno scorso, forature e perdite di pressione dovute a ruote danneggiate hanno rappresentato da sole il 6 per cento delle richieste d’intervento, in aumento rispetto al 2017 che s’era assestato sul 4,4 per cento del totale chiamate.

A complicare la vita degli utenti non sarebbe solo l’assenza della ‘scorta’, ma anche la poca dimestichezza con gli eventuali attrezzi in dotazione, la sempre maggiore dimensione delle ruote e perfino la presenza - su alcuni veicoli - di tappi copribullone non estraibili utilizzando gli attrezzi di bordo.

In primo piano
Giovani talenti cercasi

16/02/2019 – Come ogni anno, anche per questo 2019 Bentley apre le porte ai giovani, dando il via alla campagna di apprendistato per ben cinquantuno posizioni che verranno attivate in autunno.

Leggi tutto
Codice della Strada, (forse) si cambia

14/02/2014 - In questi giorni si fa un gran parlare di biciclette contromano, velocità massima elevata a 150 chilometri orari sulle autostrade. E ancora, divieto di fumo alla guida. Attenzione, però: si tratta solo di proposte di legge di modifica al Codice della Strada,

Leggi tutto
Italia ultima nel recupero veicoli

9/02/2019 – Ebbene sì, siamo fanalino di coda anche sul fronte dei rottami. Secondo i numeri di Eurostat, aggiornati però al lontano 2016, il Bel Paese riciclerebbe in maniera ecocompatibile solo l’82,6 per cento delle parti che compongono un autoveicolo a fine vita.

Leggi tutto
Partenza in negativo

5/02/2019 - Il 2019 parte con il segno negativo per le auto in Italia. Stando ai dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti le immatricolazioni a gennaio si sono fermate a quota 164.864 unità che indicano un calo del 7,6% rispetto a un anno fa.

Leggi tutto