Menu

Guidi confermato presidente

4/07/2019 - Fabrizio Guidi, numero uno del consorzio Doc Toli, è stato confermato per la terza volta alla presidenza di AsConAuto in occasione delle elezioni che si sono svolte lo scorso 2 luglio. Riconfermato alla vicepresidenza nazionale anche Giorgio Boiani, presidente del consorzio Doc Lecco. Non mancano però le novità. Per consentire a nuove figure di offrire il proprio contributo all’interno del board si è votato all’unanimità anche un secondo vicepresidente, un dealer attivo per rafforzare il ruolo predominante dei concessionari all’interno dell’associazione: Roberto Scarabel, già presidente del consorzio Doc Padova, 

E sempre per decisione unanime si è allargato il direttivo dai cinque presidenti di consorzio di oggi a tutti e dodici (uno dei quali in rappresentanza degli undici Sincro). Una scelta dettata dalla necessità di coinvolgere ogni singola componente di AsConAuto nelle scelte a livello nazionale. Il direttivo resterà in carica per il prossimo triennio.

 

 

In primo piano
Il flop dei pick-up premium

17/08/2019 - Tra i costruttori, qualcuno credeva d’inaugurare un nuovo filone capace di contrastare il calo generale delle vendite, così come successe coi Suv, alla fine diventati leader del mercato automobilistico.

Leggi tutto
Ibride in forse per Gm e Vw

14/08/2019 – Molto più che ‘rumors’ quelli provenienti dagli Usa, dove ormai si fanno insistenti le notizie su una possibile rinuncia alla produzione di veicoli ibridi da parte sia della locale General Motors sia della tedesca Volkswagen.

Leggi tutto
Non abbassare la guardia

7/08/20189 - Meno incidenti (172.344, -1,5 per cento), meno morti (3.325, -1,6 per cento), e meno feriti (242.621, -1,7 per cento) sulle strade italiane nel 2018. Lo rivela il Rapporto Aci-Istat sull’incidentalità stradale. Non è però tutto oro quello che luccica.

Leggi tutto
Il mercato auto non inverte la rotta

4/08/2019 – Un luglio sostanzialmente stabile per il mercato auto in Italia: il settimo mese dell’anno si è, infatti, chiuso con 152.800 immatricolazioni. Rimane negativo il cumulato dei primi 7 mesi, con 1.235.698 che indicano una flessione di circa il 3,1 per cento sull’anno precedente.

Leggi tutto