Menu

Caterpillar investe in Fisker

28/10/2018 – Sotto certi aspetti una notizia bomba, che potrebbe riportare in pole position nella corsa alla trazione elettrica la californiana Fisker, assurta agli onori della cronaca circa un decennio fa per la rivoluzionaria berlina sportiva Karma. Che, de facto, anticipò Tesla, ma che finì ben presto la sua carriera stante (anche) il fallimento della fabbrica finlandese incaricata della sua produzione.

La novità di questi giorni è che il colosso statunitense Caterpillar, o meglio il suo braccio di venture capital, investirà nell’azienda di Henrik Fisker, attualmente impegnata con la vettura EvMotion e gli shuttle a guida autonoma Orbit: quanto sia l’investimento, ancora però non si sa. A interessare il re del macchine movimento terra - ma non solo -, la tecnologia delle batterie a stato solido dei californiani, in arrivo forse nel 2020, dopo una serie infinita di ritardi.

Fisker invece beneficerebbe, oltre che dei danari, della forza commerciale e notorietà mondiale di Caterpillar, attualmente uno dei gruppi automotive più ricchi e conosciuti del pianeta.

In primo piano
Revisioni pesanti, si apre ai privati

15/01/2019 - La Legge di Bilancio 2019, di recente approvazione, interviene positivamente sulla materia delle revisioni dei veicoli pesanti. Lo sostengono Anfia, Federauto e Unrae in un comunicato congiunto.

Leggi tutto
Sulla strada giusta

14/01/2019 - Migliora la situazione sulle strade italiane stando alle stime Aci-Istat basate sui dati preliminari relativi al periodo gennaio-giugno 2018. Gli incidenti con lesioni sono stati 82.942 (in media 460 al giorno, il 3 per cento in meno dello stesso periodo dell'anno precedente), hanno causato 1.480 morti

Leggi tutto
Bonus-malus al via dal 1° marzo

7/01/2019 - Dal 1° marzo 2019 il bonus-malus è realtà. Arrivano, infatti, gli incentivi per favorire l'acquisto di auto nuove a basso grado di emissioni di CO2 e una tassa per chi invece sceglie modelli più inquinanti.

Leggi tutto
Il mercato auto 2018 chiude negativo

6/01/2019 – Alla fine non ce l’ha fatta. Il mercato italiano dell’auto non è riuscito nel colpo di reni in extremis e deve purtroppo chiudere col segno meno.

Leggi tutto