Menu

Buona la prima (digitale)

17/09/2020 - Si è chiusa la 18° edizione di Automotive Dealer Day, evento dedicato alla filiera della distribuzione auto, la prima in formato digitale. In oltre 3mila si sono dati appuntamento virtualmente durante la due giorni per fare il punto sul settore, sulle sfide che lo attendono dopo la pandemia che ha sconvolto lo scenario mondiale e ha accelerato quella digitalizzazione di cui tanto si è dibattuto negli ultimi anni. Parole d’ordine per assicurarsi uno spazio nel futuro: fi-digital, ossia vicinanza sia fisica sia digitale al cliente, e servizi personalizzati.

Service sotto i riflettori nel workshop dedicato a scenari e strategie per il mercato e le reti dove ha preso la parola anche Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto. “I concessionari che hanno sposato il progetto AsConAuto – ha detto – sanno bene quanto il service sia strategico e quanto sia importante la collaborazione con la rete anche degli indipendenti al fine di valorizzare il ricambio originale”. Che quello di AsConAuto sia un progetto vincente lo dicono i numeri, con crescite a doppia cifra anno dopo anno. “Per il 2020 ci attendiamo un calo ma contenuto. Durante il lockdown abbiamo dovuto rivedere la nostra operatività per mettere al primo posto la sicurezza delle persone pur riuscendo a rispondere alle emergenze”.

Nella stessa occasione Fabrizio Guidi ha annunciato la cancellazione di Service Day al Brixia Forum di Brescia, in programma a novembre. “Service Day è la manifestazione che mancava, ha avuto un’accoglienza entusiasta da parte del pubblico di specialisti ma ancora una volta riteniamo che al primo posto debba essere messa la tutela della salute. Stiamo però già pensando all’edizione 2021 e siamo pronti a scommettere che sarà la migliore di sempre!”.

In tantissimi si sono avvicendati sul palco virtuale di Dealer Day: concessionari che hanno condiviso  le loro best practice, rappresentati di aziende con i loro prodotti al servizio della filiera. Tra i relatori anche, Adolfo De Stefani Cosentino di Federauto e Michele Crisci, presidente di Unare, che hanno ribadito l’importanza degli incentivi e la necessità di prorogarli per non fermare il rinnovo del parco.

E, ancora, tante le voci fuori dal coro come quelle di Oscar Farinetti, fondatore di Eataly che ha posto l’accento sull’importanza di continuare a sognare per guardare avanti e di Beatrice Venezi, direttrice d’orchestra che ha invece invitato il pubblico di Dealer Day ad ascoltare e ascoltarsi per essere vincenti anche domani.

In primo piano
La ripresa può attendere

29/11/2020 – Secondo quanto rilevato nel corso d’un’indagine dall’Osservatorio Autopromotec su un campione rappresentativo di autofficine italiane, solo il 14 per cento degli autoriparatori prevede di tornare ai livelli pre-Covid

Leggi tutto
Svolta ibrida o elettrica

25/11/2020 – Italiani pronti alla svolta ibrida o elettrica. Ben 9 abitanti della Penisola su 10 si dicono pronti ad acquistare una vettura spinte da un sistema ibrido o un motore elettrico purché il prezzo sia accessibile e non vi siano troppi limiti in termini di autonomia. Cosa li spinge? Il primo motivo è di carattere sociale (‘per non inquinare’),

Leggi tutto
Mercato, l’Europa frena

22/11/2020 – Ottobre smorza gli entusiasmi settembrini del mercato europeo occidentale (Ue+Efta+Uk) dell’auto nuova. Al più 1,1 per cento di settembre, segue infatti addirittura un meno 7,1 del mese scorso rispetto all’identico periodo del 2019.

Leggi tutto
La mobilità cambia

19/11/2020 – È chiaro che la pandemia ha avuto un forte impatto sulla mobilità. Cosa è cambiato? Tra chi ha cercato una risposta c’è anche Deloitte che ha condotto un’indagine a livello europeo.

Leggi tutto