Menu

VW, trentamila a casa

18/11/2016 – Il Dieselgate presenta il conto. E, come spesso accade, a farne le spese sono le fasce più deboli tra i lavoratori. Sì perché lo scandalo di cui sopra lascerà a casa ben 30 mila dipendenti del gruppo teutonico, 23 mila dei quali nella sola Germania e i restanti sparsi per il globo (Usa, Brasile e Argentina in primis): questo da qui al 2025. In un comunicato, Volkswagen si affretta comunque a specificare che tale riduzione sarà frutto solo di prepensionamenti, part-time e blocco del turnover.

Battezzato ‘Piano futuro’, è – secondo il numero uno di Vw Herbert Diess – “un grande passo in avanti, senza dubbio uno dei maggiori nella storia del Gruppo”. Concordato coi sindacati tedeschi, punta a ridurre di 3,7 miliardi di euro nel prossimo triennio i costi di gestione del colosso automotive, che però ne investirebbe 3,5 per la ristrutturazione dei siti industriali in patria e in ottica auto elettrica, connettività e digitalizzazione.

Settori dove Volkswagen AG arriva solo ora.

In primo piano
Ford e Volkswagen insieme. Ma per i van

23/06/2018 – Non una joint venture, bensì un’alleanza e – almeno per ora – limitata al solo comparto dei veicoli commerciali leggeri.

Leggi tutto
Strade ancora troppo pericolose

20/06/2018 - Negli ultimi quattro anni non si registrano miglioramenti per la sicurezza stradale all’interno dell’Unione Europea e per la prima volta l’ETSC - Consiglio Europeo per la Sicurezza Stradale - non assegnerà ad alcun Paese il premio annuale per i progressi verso una mobilità responsabile.

Leggi tutto
Anfia-Convey contro la contraffazione

19/06/2018 – È partito qualche giorno fa il Progetto Pilota ‘Lotta alla contraffazione online su piattaforme di e-Commerce B2B E B2C’ che coinvolge Anfia e Convey, società leader nei servizi per la lotta alla contraffazione online.

Leggi tutto
Bmw richiama i diesel e non solo

17/06/2018 – Dovrebbero essere 11.700 le auto diesel interessate al recente richiamo indetto da Bmw.

Leggi tutto