Menu

Più centri, meno revisioni (per ciascuno)

25/07/2017 - Un business, quello delle revisioni, che ha suscitato l’interesse di numerosi operatori negli ultimi anni. Non stupisce quindi che dal 2012 al 2016 in Italia il numero dei centri autorizzati sia cresciuto del 18,1 per cento (da 7.127 a 8.421). Un incremento decisamente superiore rispetto a quello delle revisioni eseguite (più 6,9 per cento, da 13.046.564 a 13.949.808), dovuto al drastico calo delle immatricolazioni di autoveicoli registrato a partire dal 2012 (meno 20,9 per cento rispetto all’anno precedente).

La conseguenza? Le revisioni medie per centro sono calate. È quanto emerge da un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec su dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Solo nel 2016, comunque, gli italiani per sottoporre le loro auto al check obbligatorio – che mira a elevare la sicurezza sulle strade e ridurre le emissioni inquinanti - hanno speso 2,86 miliardi di euro presso i centri di revisione autorizzati.

In primo piano
Bonus-Malus emissioni: è caos

9/12/2018 – Poche idee ma confuse. Questo è il sunto delle ultime decisioni governative nazionali in tema di tasse automobilistiche, già tra le più alte d’Europa.

Leggi tutto
Mercato auto ancora giù

6/12/2018 - Flette anche a novembre il mercato dell’auto in Italia. Le immatricolazioni si sono fermate a 146.991 unità facendo registrare un meno 6,3% su novembre 2017. Nei primi 11 mesi dell’anno si è arrivati a quota 1.785.722, meno 3,5% su gennaio-novembre di un anno fa.

Leggi tutto
Il Gruppo Psa fa cassa

2/12/2018 - Toyota e Psa hanno annunciato il prossimo passo della loro partnership nel mercato europeo, iniziata nel 2012 con la generazione precedente del furgone ProAce, prodotto in Francia alla Sevel Nord.

Leggi tutto
La fattura diventa elettronica

26/11/2018 – Partito il countdown per la fatturazione elettronica che diverrà obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2019 come da Legge di Bilancio 2018. Una misura attraverso la quale Agenzia delle Entrate e Governo puntano da una parte a ridurre l’evasione, dall’altra a semplificare la macchina fiscale con una riduzione degli adempimenti.

Leggi tutto