Menu

Più centri, meno revisioni (per ciascuno)

25/07/2017 - Un business, quello delle revisioni, che ha suscitato l’interesse di numerosi operatori negli ultimi anni. Non stupisce quindi che dal 2012 al 2016 in Italia il numero dei centri autorizzati sia cresciuto del 18,1 per cento (da 7.127 a 8.421). Un incremento decisamente superiore rispetto a quello delle revisioni eseguite (più 6,9 per cento, da 13.046.564 a 13.949.808), dovuto al drastico calo delle immatricolazioni di autoveicoli registrato a partire dal 2012 (meno 20,9 per cento rispetto all’anno precedente).

La conseguenza? Le revisioni medie per centro sono calate. È quanto emerge da un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec su dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Solo nel 2016, comunque, gli italiani per sottoporre le loro auto al check obbligatorio – che mira a elevare la sicurezza sulle strade e ridurre le emissioni inquinanti - hanno speso 2,86 miliardi di euro presso i centri di revisione autorizzati.

In primo piano
Come si cambia

18/09/2018 - Più lunghe, più larghe e sempre più straniere. I gusti degli italiani in fatto di automobili in 50 anni sono cambiati parecchio, come del resto l’offerta stessa che è cresciuta in modo esponenziale per arrivare a contare oggi 501 modelli contro gli 89 del 1968.

Leggi tutto
Maggiolino addio. Per sempre

15/09/2018 – Stavolta sarà veramente per sempre, almeno di ripensamenti in chiave elettrica dell’ultima ora. Ma, al momento, la decisione è questa: il 19 luglio del prossimo anno, dallo stabilimento Volkswagen di Puebla (Messico), l’unico rimasto a produrre la mitica vettura tedesca, uscirà l’ultimo Maggiolino.

Leggi tutto
Il Wltp dà un boost al mercato

8/09/2018 – Obbligatorio da questo 1° settembre e chiamato a sostituire l’attuale ciclo Nedc, il Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure (Wltp) è il nuovo metodo mondiale di controllo standardizzato per il rilevamento di consumi ed emissioni relativamente ad auto e furgoni.

Leggi tutto
Il web non passa l'esame

4/09/2018 – Nella ‘web era’ i siti internet delle case costruttrici non passano l’esame. È quanto emerge da un’analisi condotta da Forrester, azienda di ricerca e consulenza con presenza globale, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 dei principali marchi automobilistici in Europa: Audi, Bmw, Citroën, Ford, Mercedes-Benz, Nissan, Peugeot, Renault, Toyota, Vauxhall e Volkswagen, selezionati in base ai loro elevati volumi di vendita sia nel mercato di massa che nelle categorie di lusso.

Leggi tutto