Menu

Operazione buy back

29/10/2016 – È notizia di questi giorni che il giudice federale statunitense Charles Breyer - basato a San Francisco, California - ha finalmente approvato il piano di risarcimenti da 14,7 miliardi di dollari tra il Gruppo Volkswagen e i proprietari di alcuni tra i ben 475 mila veicoli diesel coinvolti – in Usa - nello scandalo del ‘Dieselgate’. Quelli cioè equipaggiati col 2.0 Tdi, come la Beetle (model year 2013-2015), la Golf (2010-2015), la Jetta (2009-2015) e l’Audi A3 (2010-2013 e 2015).

Secondo l’agenzia stampa Reuters, la Casa tedesca si attiverà a partire dalla metà del mese entrante e in base all'accordo, i proprietari avranno inizialmente diritto a un rimborso compreso tra i 5.100 e i 10 mila dollari, secondo il valore dell'auto. Quindi, potranno decidere se restituirla al costruttore, obbligato dal giudice di cui sopra all’eventuale ‘buy back’ dei mezzi incriminati (riacquisto che pesa per 10 dei 14,7 miliardi stanziati), oppure se portarla in officina per quegli aggiornamenti che verranno approvati dall'Epa (Environmental Protection Agency) e dal Carb (California Air Resource Board).

I clienti Usa avranno tempo fino al settembre 2018 per decidere se restituire o meno il veicolo incriminato, mentre almeno l’85 per cento dei richiami dovrà essere completato entro giugno del 2019.

Altrimenti verrebbe comminata una multa da 100 milioni di dollari circa.

In primo piano
Service Day s’avvicina

14/10/2018 - Poco più d’un mese e s’alzerà il sipario sul quello che è il primo evento italiano dedicato alla filiera non solo degli autoriparatori, ma anche di tutti coloro che si occupano della cura e manutenzione dell'auto.

Leggi tutto
Revisioni, un bell’affare

12/10/2018 - Nel primo semestre del 2018 gli italiani per far revisionare le loro auto presso le officine autorizzate private hanno speso oltre 1,464 miliardi di euro, l’1,1 per cento in più dello stesso periodo 2017. A diffondere il dato è stato l’Osservatorio Autopromotec.

Leggi tutto
Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, fa alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Leggi tutto
Così non ci stiamo

3/10/2018 - Stop dal primo ottobre ai veicoli a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0, 1, 2, 3 in molti centri del Nord Italia e anche ai diesel Euro 4 in Emilia Romagna. Limitazioni che, fino al prossimo 30 marzo, interessano almeno 3,5 milioni di veicoli, tra autovetture (2,8 milioni) e furgoni (circa 700mila).

Leggi tutto