Menu

Italia a corto di infrastrutture

11/09/2016 - Una dotazione infrastrutturale piuttosto scarsa, quella italiana. Ogni 1.000 abitanti sono disponibili 140 metri di infrastrutture viarie per il trasporto di merci e persone (metropolitane, autostrade e linee ferroviarie suburbane e ad alta velocità). La Penisola si colloca al penultimo posto nella graduatoria dei cinque maggiori Paesi europei. Al primo c’è la Spagna con un indice sulla dotazione infrastrutturale di 0,43 km ogni 1.000 abitanti, seguita da Francia (0,22 chilometri), Germania (0,21) e, appunto, Italia. Peggio di noi solo la Gran Bretagna con 100 metri ogni 1.000 abitanti. A diffondere i dati l’Osservatorio sulla Mobilità sostenibile di Airp (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) che si è basato sui numeri diffusi da Legambiente ed Eurostat.

In Italia dunque c’è ancora molto da fare. E se si prendono in considerazione le sole linee metropolitane e le linee ferroviarie suburbane, il nostro Paese scivola all’ultimo posto.

Impossibile dunque pensare di rinunciare all’automobile che continua a essere la forma di mobilità preferita dagli abitanti dello Stivale.

 

In primo piano
Sulle orme dei grandi

17/02/2018 – Una ‘singolar tenzone’ all’ultimo bullone. È questo ciò che attende i concorrenti dello Scania Top Team Mini, sfida locale che s’ispira alla nota competizione internazionale per meccanici del Grifone e che si terrà martedì 20 febbraio nella sede italiana della Casa svedese.

Leggi tutto
Costi per l’assistenza in crescita

14/02/2018 - Nel 2017 i prezzi pagati per l’assistenza degli autoveicoli in Italia sono aumentati mediamente dell’1,0 per cento rispetto al 2016. La notizia è stata diffusa dall’Osservatorio Autopromotec che ha analizzato le rilevazioni mensili dell’Istat sui prezzi al consumo.

Leggi tutto
Bentley cerca nuove leve

10/02/2018 – Al via anche quest’anno la campagna Bentley (gruppo Volkswagen) per l’assunzione di nuovi giovani talenti in tutto il mondo.

Leggi tutto
Obiettivo centrato con tre anni di anticipo

5/02/2017 - I veicoli elettrici non decollano in Italia ma in altre parti del mondo le cose sembrano andare decisamente meglio tanto che un costruttore come Toyota che ha puntato sulle zero emission, ha raggiunto il suo target 2020 con ben tre anni di anticipo.

Leggi tutto