Menu

Immatricolato in crescita a luglio

13/08/2017 – Luglio in netta crescita per l’immatricolato auto, che sale di circa 6 punti percentuali rispetto al medesimo mese del 2016, grazie alle 145.363 vetture targate.

Dopo il quasi più 13 per cento di giugno, conseguente allo sforzo di case costruttrici e concessionari per raggiungere gli obiettivi di vendita del primo semestre, il mercato italiano dell’auto fa dunque registrare in luglio una crescita più contenuta, ma in linea con la previsione di chiudere il 2017 intorno ai due milioni d’immatricolazioni.

Grazie al risultato di luglio, i primi sette mesi dell’anno archiviano quindi 1.282.353 immatricolazioni complessive e una crescita dell’8,62 per ceto, dati positivi dovuti in larga misura alle auto aziendali. Le quali però potrebbero rallentare nel corso del 2018, stando alle previsioni elaborate dal Centro Studi Promotor: sono infatti in scadenza sia il ‘super ammortamento’ sia i finanziamenti della ‘Legge Sabatini’.

Nonostante i numeri crescenti, in Italia permane comunque il problema dell’anzianità del parco circolante, un terzo del quale ha oltre 15 anni d’età. Troppi.

In primo piano
Bonus-Malus emissioni: è caos

9/12/2018 – Poche idee ma confuse. Questo è il sunto delle ultime decisioni governative nazionali in tema di tasse automobilistiche, già tra le più alte d’Europa.

Leggi tutto
Mercato auto ancora giù

6/12/2018 - Flette anche a novembre il mercato dell’auto in Italia. Le immatricolazioni si sono fermate a 146.991 unità facendo registrare un meno 6,3% su novembre 2017. Nei primi 11 mesi dell’anno si è arrivati a quota 1.785.722, meno 3,5% su gennaio-novembre di un anno fa.

Leggi tutto
Il Gruppo Psa fa cassa

2/12/2018 - Toyota e Psa hanno annunciato il prossimo passo della loro partnership nel mercato europeo, iniziata nel 2012 con la generazione precedente del furgone ProAce, prodotto in Francia alla Sevel Nord.

Leggi tutto
La fattura diventa elettronica

26/11/2018 – Partito il countdown per la fatturazione elettronica che diverrà obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2019 come da Legge di Bilancio 2018. Una misura attraverso la quale Agenzia delle Entrate e Governo puntano da una parte a ridurre l’evasione, dall’altra a semplificare la macchina fiscale con una riduzione degli adempimenti.

Leggi tutto