Menu

Il grande contributo dell’auto

13/07/2016 – È cresciuto ancora nel 2015 il carico fiscale complessivo gravante sulla motorizzazione italiana: stando ai dati diffusi da Anfia ha raggiunto i 71,9 miliardi di Euro, segnando un più 0,5 per cento sul 2014. Il settore automotive ha quindi contributo al gettito complessivo con un 16 per cento.

“Dopo anni di inasprimento delle imposizioni fiscali sui veicoli, a compensazione della perdita di capacità di spesa degli italiani durante la lunga crisi economica, - ha commentato Aurelio Nervo, Presidente di Anfia – la ripresa del mercato auto nel 2015 non poteva che far lievitare ulteriormente questo prelievo, con introiti derivanti dall’acquisto degli autoveicoli, Iva e Ipt, in crescita del 13,6 e dell’11,2 per cento.”

Il gettito derivante dall’utilizzo dell’autoveicolo resta la voce più rilevante, pari all’81per cento (equivalente a 58,2 miliardi di euro) del totale proveniente dal comparto. “I tempi sono maturi – ha continuato Nervo - per attuare una revisione della fiscalità in chiave ambientale – in Ue 20 Paesi su 28 già applicano forme di tassazione in funzione delle emissioni di CO2 al fine di favorire la diffusione dei veicoli ecologici e la sostituzione dei più inquinanti ancora in circolazione. Accelerare questo processo è uno dei driver fondamentali per il raggiungimento dei futuri target di riduzione delle emissioni, oltre a portare con sé vantaggi economici e di sicurezza della circolazione sulle strade.”

Per il secondo anno consecutivo dopo 7 di calo, nel 2015 i consumi complessivi di carburanti sono risultati in crescita dell’1,5 per cento. I prezzi medi alla pompa, invece, hanno subito significative flessioni. “A fronte di una forte riduzione del prezzo industriale dei carburanti – ha aggiunto il Presidente di Anfia - si è assistito ad un’ulteriore crescita della componente fiscale (Iva e accise) sul prezzo finale. E ulteriori rialzi potrebbero verificarsi nel biennio 2017-2018, nel caso scattino le clausole di salvaguardia a copertura delle spese e per il raggiungimento dei target fiscali stabiliti per l’Italia dall’Unione Europea.”

Proseguendo nella ripartizione del prelievo calcolata sui diversi momenti impositivi del “ciclo di vita contributivo” degli autoveicoli, dopo la quota di tassazione derivante dall’utilizzo dell’autoveicolo nel corso dell’anno, si colloca al secondo posto la quota di contribuzione al momento dell’acquisto dell’autoveicolo pari al 10,7 per cento, per un totale di 7,7 miliardi di Euro. Infine, il possesso dell’autoveicolo rappresenta una quota dell’8,3 per cento: 6 miliardi di Euro.

 

In primo piano
Service Day s’avvicina

14/10/2018 - Poco più d’un mese e s’alzerà il sipario sul quello che è il primo evento italiano dedicato alla filiera non solo degli autoriparatori, ma anche di tutti coloro che si occupano della cura e manutenzione dell'auto.

Leggi tutto
Revisioni, un bell’affare

12/10/2018 - Nel primo semestre del 2018 gli italiani per far revisionare le loro auto presso le officine autorizzate private hanno speso oltre 1,464 miliardi di euro, l’1,1 per cento in più dello stesso periodo 2017. A diffondere il dato è stato l’Osservatorio Autopromotec.

Leggi tutto
Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, fa alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Leggi tutto
Così non ci stiamo

3/10/2018 - Stop dal primo ottobre ai veicoli a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0, 1, 2, 3 in molti centri del Nord Italia e anche ai diesel Euro 4 in Emilia Romagna. Limitazioni che, fino al prossimo 30 marzo, interessano almeno 3,5 milioni di veicoli, tra autovetture (2,8 milioni) e furgoni (circa 700mila).

Leggi tutto