Menu

Il futuro delle elettriche

31/01/2017 - Nel mondo nell’ultimo anno sono state vendute circa 800.000 vetture elettriche (tra BEV, ossia full electric, e PHEV, ibridi plug-in), il 40 per cento in più rispetto al 2015. In Italia ci si è fermati a quota 2.560, che rappresentano lo 0,1 per cento del mercato. Penisola, quindi, in controtendenza rispetto al resto del globo. I numeri sono stati diffusi dall’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano, che ha prodotto il primo rapporto italiano sul settore, l’E-Mobility Report.

I modelli che si contendono il mercato mondiale sono circa 50, di 15 case automobilistiche. L’elettrica più venduta è Nissan Leaf, seguita dalla Tesla Model S. In Europa i modelli BEV disponibili sono 20, prodotti da 12 player, ma entro dicembre 2020 entreranno nel mercato altre 4 case automobilistiche (Honda, Opel, Porsche ed Audi) che triplicheranno l’offerta.

A cosa legare il successo delle vendite in alcuni mercati? Innanzitutto alla presenza di meccanismi di incentivazione diretti e indiretti. In Norvegia, uno dei Paesi con il maggior numero di immatricolazioni, sono disponibili incentivi generosi, circa 20.000 euro per i BEV e 13.000 per i PHEV. Poi alla presenza di una rete di ricarica capillare. Sono 1,45 milioni i punti di ricarica censiti nel mondo a fine 2016, concentrati laddove le elettriche sono più diffuse. In Europa sono stati installati complessivamente 70.000 punti di ricarica pubblici e circa 400.000 privati. Nel nostro Paese se ne contano 9.000, 7.000-7.500 privati e 1.750 pubblici.

L’obiettivo dell'Italia al 2020 è l’installazione di 4.500-13.000 punti di ricarica normal power (con un potenza pari o inferiore a 22 kW) e di 2.000-6.000 high power (superiore a 22 kW). La copertura finanziaria al momento è di 33,5 milioni di euro. Quale scenario, dunque, da qui a tre anni? Se sarà la disponibilità di modelli a trainare la domanda tra gennaio 2017 e dicembre 2020 si potrebbero immatricolare 70.000 vetture per arrivare a una quota di mercato del 2 per cento nel 2020. Se invece saranno i punti di ricarica ad accendere un maggiore interesse per queste vetture nel 2020 si potrebbero avere 130.000 unità elettriche circolanti (ben l’85 per cento in più rispetto allo scenario precedente).

 

In primo piano
Come si cambia

18/09/2018 - Più lunghe, più larghe e sempre più straniere. I gusti degli italiani in fatto di automobili in 50 anni sono cambiati parecchio, come del resto l’offerta stessa che è cresciuta in modo esponenziale per arrivare a contare oggi 501 modelli contro gli 89 del 1968.

Leggi tutto
Maggiolino addio. Per sempre

15/09/2018 – Stavolta sarà veramente per sempre, almeno di ripensamenti in chiave elettrica dell’ultima ora. Ma, al momento, la decisione è questa: il 19 luglio del prossimo anno, dallo stabilimento Volkswagen di Puebla (Messico), l’unico rimasto a produrre la mitica vettura tedesca, uscirà l’ultimo Maggiolino.

Leggi tutto
Il Wltp dà un boost al mercato

8/09/2018 – Obbligatorio da questo 1° settembre e chiamato a sostituire l’attuale ciclo Nedc, il Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure (Wltp) è il nuovo metodo mondiale di controllo standardizzato per il rilevamento di consumi ed emissioni relativamente ad auto e furgoni.

Leggi tutto
Il web non passa l'esame

4/09/2018 – Nella ‘web era’ i siti internet delle case costruttrici non passano l’esame. È quanto emerge da un’analisi condotta da Forrester, azienda di ricerca e consulenza con presenza globale, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 dei principali marchi automobilistici in Europa: Audi, Bmw, Citroën, Ford, Mercedes-Benz, Nissan, Peugeot, Renault, Toyota, Vauxhall e Volkswagen, selezionati in base ai loro elevati volumi di vendita sia nel mercato di massa che nelle categorie di lusso.

Leggi tutto