Menu

Il car sharing s’allarga

4/12/2016 – La moda della condivisione non conosce più limiti e ormai interessa ogni tipo di oggetto. Tra i pionieri del genere senza dubbio le auto e avanguardista del settore il Gruppo Daimler, che già nel 2008 lanciò car2go, il servizio di car sharing basato solo sulle piccole vetture Smart fortwo.

Ora il ‘konzern’ tedesco prova a percorrere una nuova strada in questo settore – per la verità ci stanno lavorando anche altri - lanciando Croove, un servizio di car sharing peer-to-peer: ossia tra privati. Chi possiede un’automobile e non la sta usando, potrà decidere di condividerla con degli sconosciuti.

La piattaforma offre vantaggi a entrambe le parti coinvolte.

Da un lato, i noleggianti – patentati e almeno ventunenni - possono trovare velocemente una vettura in buone condizioni che soddisfi al meglio le loro esigenze di mobilità, senza dover dipendere da una stazione di noleggio fissa. Rispetto al noleggio classico, ci sarà un vantaggio in termini di costi, con la garanzia di poter effettivamente disporre del modello desiderato e non di uno di una determinata categoria.

Dall’altro, i proprietari saranno invece in grado di ottimizzare l’utilizzo della loro auto, ferma mediamente 23 ore al giorno, con un conseguente guadagno. Basterà creare on line - attraverso l’App dedicata o il sito www.letscroove.com - un profilo coi dati completi - accessori inclusi - della vettura (di qualsiasi marca, in buone condizioni oltre che mai più vecchia di 15 anni) e inserire il prezzo di offerta seguendo i consigli della piattaforma.

Croove è un servizio basato su smartphone e già da questo mese è possibile scaricare da iTunes Store l’App iOs dedicata, mentre quella per Android arriverà in un secondo tempo. Tramite l’App è possibile contattare potenziali proprietari e concordare l’appuntamento per il ritiro/riconsegna dell’auto, effettuabile anche sfruttando un servizio a pagamento con appositi incaricati. È allo studio anche la possibilità d’introdurre una soluzione keyless, grazie alla quale il noleggiante potrà ritirare la vettura con l’ausilio di un codice Pin.

Il contratto di noleggio digitale fornito da Croove comprende una check-list e il pagamento avviene solo tramite l’App. Dopo il noleggio, entrambe le parti possono dare una valutazione l’una dell’altra. E del servizio.

In primo piano
Appuntamento con l’usato

17/01/2018 - Usato protagonista nella capitale. Dall’8 all’11 marzo nella Fiera di Roma va in scena VO, Veicolo d’Occasione, prima edizione italiana di uno dei saloni di maggior successo spagnoli, nato nel 1997.

Leggi tutto
Scenari da guida autonoma

14/01/2018 – Più che l’auto elettrica di per sé, potrebbe essere la guida autonoma a mutare in maniera marcata gli scenari del comparto automotive, autoriparazione compresa.

Leggi tutto
Mercato a quota 1,9 milioni

8/01/2018 - Oltre 1,9 milioni di autovetture sono state immatricolate in Italia nel 2017, il 7,9 per cento in più dell’anno precedente come da stime di Anfia e Unrae. “Nell’anno da poco concluso – ha commentato Aurelio Nervo, Presidente di Anfia - è proseguito il trend di graduale crescita avviato nel 2014 dopo sei anni consecutivi in flessione e i volumi

Leggi tutto
Toyota dice addio al diesel

7/01/2018 - A partire dal primo giorno del 2018, Toyota ha eliminato dal proprio listino autovetture tutte le motorizzazioni diesel.

Leggi tutto