Menu

Filtro antiparticolato anche per i benzina

7/08/2016 – Filtri antiparticolato, ossia gasoline particulate filters (GPF), anche per i motori a benzina. A introdurli per primo sarà il Gruppo Volkswagen, quasi a volersi redimere dallo scandalo del ‘dieselgate’. L’annuncio è arrivato i giorni scorsi. Dal 2017, gradualmente, tutti i motori del Gruppo a iniezione diretta TSI e TFSI ne saranno dotati. Il primo sarà, a giugno, il 1.4 TSI. Le emissioni di particolato, fa sapere la Casa tedesca, così saranno ridotte fino al 90 per cento. Entro il 2022 potrebbero essere già 7 milioni i veicoli prodotti annualmente dal Gruppo Volkswagen equipaggiati con questa tecnologia.

“Dopo averne incrementato l’efficienza – ha commentato Ulrich Eichhorn, Responsabile Ricerca e Sviluppo del Gruppo - riduciamo in modo sostenibile i livelli di emissioni dei nostri motori benzina introducendo i filtri antiparticolato di serie”.

Non si fermano nemmeno gli investimenti per ridurre ulteriormente anche le emissioni inquinanti dei Diesel. “In futuro – ha continuato Eichhorn - tutti i modelli saranno equipaggiati con la più recente ed efficiente tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction)”.

 

In primo piano
Bonus-Malus emissioni: è caos

9/12/2018 – Poche idee ma confuse. Questo è il sunto delle ultime decisioni governative nazionali in tema di tasse automobilistiche, già tra le più alte d’Europa.

Leggi tutto
Mercato auto ancora giù

6/12/2018 - Flette anche a novembre il mercato dell’auto in Italia. Le immatricolazioni si sono fermate a 146.991 unità facendo registrare un meno 6,3% su novembre 2017. Nei primi 11 mesi dell’anno si è arrivati a quota 1.785.722, meno 3,5% su gennaio-novembre di un anno fa.

Leggi tutto
Il Gruppo Psa fa cassa

2/12/2018 - Toyota e Psa hanno annunciato il prossimo passo della loro partnership nel mercato europeo, iniziata nel 2012 con la generazione precedente del furgone ProAce, prodotto in Francia alla Sevel Nord.

Leggi tutto
La fattura diventa elettronica

26/11/2018 – Partito il countdown per la fatturazione elettronica che diverrà obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2019 come da Legge di Bilancio 2018. Una misura attraverso la quale Agenzia delle Entrate e Governo puntano da una parte a ridurre l’evasione, dall’altra a semplificare la macchina fiscale con una riduzione degli adempimenti.

Leggi tutto