Menu

E Takata va in fallimento

1/07/2017 – Ve la ricordate la vicenda della giapponese Takata? Ne scrivemmo tempo fa, riportando come i suo airbag difettosi (rischiavano d’esplodere durante la normale marcia) avessero creato non pochi grattacapi a numerosi produttori d’auto, costretti a richiami in massa dei propri veicoli.

Ora, il triste epilogo. Il produttore di airbag (e non solo di quelli) ha chiesto la procedura fallimentare in un tribunale di Tokyo, perché gli indennizzi per tale errore hanno richiesto un esborso pari a 700 milioni di dollari, portando così il ‘buco’ complessivo dell’azienda nipponica a qualcosa come oltre 8 miliardi di euro: la maggiore insolvenza mai registrata da una società del Sol Levante, che ha comportato la sua cancellazione dal listino della Borsa di Tokyo a partire da oggi.

I richiami iniziarono nel 2013 e i costi dei risarcimenti sono cresciuti così tanto da rendere impossibile una ristrutturazione del debito, visto che il Department of Transportation americano ritiene Takata responsabile di undici morti in incidenti d’auto verificati.

Così, il presidente e amministratore delegato Shigehisa Takada ha annunciato le dimissioni, mentre il ministro dell'Economia e dell'Industria giapponese Hiroshige Seko ha annunciato un piano di supporto finanziario per le piccole e medie imprese – circa centotrenta - che potrebbero risentire di questa morte ormai annunciata.

In primo piano
Al via con gli invernali

15/11/2017 - Il 15 novembre sono scattate le ordinanze di obbligo di circolazione con pneumatici invernali o catene a bordo.

Leggi tutto
L’automotive italiano cresce

12/11/2017 - Secondo i dati preliminari comunicati dall’Anfia (l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), nei primi nove mesi dell’anno in corso, la produzione italiana di autovetture registra una crescita del 5 per cento (oltre 560mila vetture), mentre il totale degli autoveicoli prodotti sfiora le 860mila unità, pari a una crescita del 3,5 per cento.

Leggi tutto
Obiettivo meno 30 per cento

8/11/2017 - Pubblicato dalla Commissione Europea il secondo pacchetto mobilità che include una proposta per gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 post-2021 per le autovetture e i veicoli commerciali. Una proposta che non convince pienamente Anfia.


Leggi tutto
Tutti contro Tesla

4/11/2017 – L’obiettivo è altisonante e prevede – da qui al 2020 - l’installazione sulle grandi vie di comunicazione europee di ben quattrocento colonnine per la ricarica veloce dei veicoli elettrici.

Leggi tutto