Menu

Chi aspetta… paga

21/03/2016 - Aspettare che l'auto presenti un guasto per varcare la porta dell'officina può costare molto caro. Lo rivela la Guida "Operation & Maintenance. Best Practises" del Federal Energy Management Program, il programma di sostenibilità e contenimento dei consumi di energia e di petrolio del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti. Di contro, la manutenzione preventiva dell'auto consentirebbe risparmi fino al 18 per cento dei costi di manutenzione. Non solo: favorirebbe l'allungamento del ciclo di vita della vettura e manterrebbe inalterato il livello di sicurezza.

A rendere noti i risultati della ricerca è stato l'Osservatorio Autopromotec, struttura di ricerca della più specializzata rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell'aftermarket automobilistico. La notizia è senza dubbio da diffondere tra i propri clienti automobilisti sempre più orientati invece verso interventi di tipo 'incidentale'.

L'Osservatorio Autopromotec ricorda anche che è fondamentale rivolgersi solo ed esclusivamente ai professionisti della riparazione, quelli iscritti agli appositi registri. I possessori di veicoli che si rivolgono ad autoriparatori non autorizzati rischiano sanzioni amministrative comprese tra i 50 ed i 250 euro.

In primo piano
Service Day s’avvicina

14/10/2018 - Poco più d’un mese e s’alzerà il sipario sul quello che è il primo evento italiano dedicato alla filiera non solo degli autoriparatori, ma anche di tutti coloro che si occupano della cura e manutenzione dell'auto.

Leggi tutto
Revisioni, un bell’affare

12/10/2018 - Nel primo semestre del 2018 gli italiani per far revisionare le loro auto presso le officine autorizzate private hanno speso oltre 1,464 miliardi di euro, l’1,1 per cento in più dello stesso periodo 2017. A diffondere il dato è stato l’Osservatorio Autopromotec.

Leggi tutto
Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, fa alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Leggi tutto
Così non ci stiamo

3/10/2018 - Stop dal primo ottobre ai veicoli a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0, 1, 2, 3 in molti centri del Nord Italia e anche ai diesel Euro 4 in Emilia Romagna. Limitazioni che, fino al prossimo 30 marzo, interessano almeno 3,5 milioni di veicoli, tra autovetture (2,8 milioni) e furgoni (circa 700mila).

Leggi tutto