Menu

Aprile in flessione ma il clima è positivo

3/05/2017 - Ad aprile, secondo i dati diffusi da Anfia, il mercato italiano dell’auto ha totalizzato 160.359 immatricolazioni che indicano una flessione del 4,6 per cento rispetto allo stesso mese del 2016. Si chiude comunque positivamente il primo quadrimestre 2017: 743.321 registrazioni hanno, infatti, fatto segnare un più 8 per cento su gennaio-aprile 2017.

“Nel quarto mese dell’anno - ha commentato Aurelio Nervo, Presidente di Anfia - il mercato dell’auto italiano presenta il primo segno negativo dopo trentaquattro mesi consecutivi in crescita, perlopiù dovuto agli effetti di calendario, visto che aprile 2017 ha contato due giorni lavorativi in meno rispetto ad aprile 2016, che aveva a sua volta chiuso in rialzo del 12,3 per cento. Non si tratta, quindi, di un segnale preoccupante”.

Rimane positivo, infatti, il clima di fiducia sia dei consumatori, sia delle imprese. Secondo Istat il primo è sostanzialmente stabile sui livelli di marzo, quando era risultato in crescita, passando da 107,6 a 107,5 (base 2010=100). Il secondo, invece, registra un significativo incremento, maggiore rispetto a marzo, passando da 105,1 a 107,4, il livello più elevato da ottobre 2007.

Il marchio leader in Italia è Fiat con una quota del 21,6 per cento. Piazza d’onore a Ford con un 7,2 per cento e terza Renault al 6,6. L’auto più venduta nei primi quattro mesi dell’anno è stata Fiat Panda con poco meno di 60.000 immatricolazioni, al secondo posto lancia Ypsilon con oltre 27.100. Terzo gradino del podio per Fiat 500 con poco meno di 23.000 unità messe su strada. Chiudono la top five Fiat Tipo e Renault Clio.

Uno sguardo anche al mercato dell’usato che ha visto una contrazione dei trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari ad aprile del 12,3 per cento sullo stesso mese 2016. Il primo quadrimestre è stato quindi archiviato con 1.600.919 trasferimenti di proprietà, il 2,7 per cento in meno rispetto al primo quadrimestre dell’anno scorso.

 

In primo piano
Come si cambia

18/09/2018 - Più lunghe, più larghe e sempre più straniere. I gusti degli italiani in fatto di automobili in 50 anni sono cambiati parecchio, come del resto l’offerta stessa che è cresciuta in modo esponenziale per arrivare a contare oggi 501 modelli contro gli 89 del 1968.

Leggi tutto
Maggiolino addio. Per sempre

15/09/2018 – Stavolta sarà veramente per sempre, almeno di ripensamenti in chiave elettrica dell’ultima ora. Ma, al momento, la decisione è questa: il 19 luglio del prossimo anno, dallo stabilimento Volkswagen di Puebla (Messico), l’unico rimasto a produrre la mitica vettura tedesca, uscirà l’ultimo Maggiolino.

Leggi tutto
Il Wltp dà un boost al mercato

8/09/2018 – Obbligatorio da questo 1° settembre e chiamato a sostituire l’attuale ciclo Nedc, il Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure (Wltp) è il nuovo metodo mondiale di controllo standardizzato per il rilevamento di consumi ed emissioni relativamente ad auto e furgoni.

Leggi tutto
Il web non passa l'esame

4/09/2018 – Nella ‘web era’ i siti internet delle case costruttrici non passano l’esame. È quanto emerge da un’analisi condotta da Forrester, azienda di ricerca e consulenza con presenza globale, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 dei principali marchi automobilistici in Europa: Audi, Bmw, Citroën, Ford, Mercedes-Benz, Nissan, Peugeot, Renault, Toyota, Vauxhall e Volkswagen, selezionati in base ai loro elevati volumi di vendita sia nel mercato di massa che nelle categorie di lusso.

Leggi tutto