Menu

Altri problemi per Fca in Usa

24/12/2016 – Ne avevamo già scritto questa primavera, quando – negli Stati Uniti - Fiat Chrysler Automobiles fu costretta a un precipitoso richiamo che coinvolse ben oltre un milione di autoveicoli prodotti dal gruppo italo-americano e che vedeva coinvolti anche dei modelli venduti nel Vecchio Continente, come la Jeep Grand Cherokee.

Il problema era inerente la trasmissione automatica di quei veicoli, che misteriosamente ‘usciva’ dalla modalità ‘parcheggio‘ (il P) facendo muovere l’automobile.

Un incidente capitato anche a un noto attore californiano, che rimase intrappolato tra la sua Jeep impazzita e il muro di cinta della propria abitazione.

Ora torna un problema simile (non si sa se esattamente identico), a carico - almeno per ora - solo di alcuni modelli Dodge commercializzati fuori dall’Europa, ossia i Ram 1500 (prodotti dal 2013 al 2016) e i Durango (costruiti dal 2014 al 2016): in totale un milione di pezzi. Che pare abbiano finora causato venticinque incidenti e il ferimento di nove persone.

.

In primo piano
Sulle orme dei grandi

17/02/2018 – Una ‘singolar tenzone’ all’ultimo bullone. È questo ciò che attende i concorrenti dello Scania Top Team Mini, sfida locale che s’ispira alla nota competizione internazionale per meccanici del Grifone e che si terrà martedì 20 febbraio nella sede italiana della Casa svedese.

Leggi tutto
Costi per l’assistenza in crescita

14/02/2018 - Nel 2017 i prezzi pagati per l’assistenza degli autoveicoli in Italia sono aumentati mediamente dell’1,0 per cento rispetto al 2016. La notizia è stata diffusa dall’Osservatorio Autopromotec che ha analizzato le rilevazioni mensili dell’Istat sui prezzi al consumo.

Leggi tutto
Bentley cerca nuove leve

10/02/2018 – Al via anche quest’anno la campagna Bentley (gruppo Volkswagen) per l’assunzione di nuovi giovani talenti in tutto il mondo.

Leggi tutto
Obiettivo centrato con tre anni di anticipo

5/02/2017 - I veicoli elettrici non decollano in Italia ma in altre parti del mondo le cose sembrano andare decisamente meglio tanto che un costruttore come Toyota che ha puntato sulle zero emission, ha raggiunto il suo target 2020 con ben tre anni di anticipo.

Leggi tutto