Menu

Parco vecchio, officine full

17/05/2016 - Accelera il mercato dell’aftermarket. A rivelarlo è il Barometro Aftermarket di Anfia che sfrutta le rilevazioni effettuate presso le aziende che aderiscono all’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica e che compongono circa il 20 per cento del mercato. Nel 2015 si assiste a una ripresa di quasi tutte le famiglie di prodotto e a un incremento del fatturato del 4,3 per cento rispetto all’anno precedente. Guardando nel dettaglio si può notare una crescita particolarmente importante per i componenti di carrozzeria e abitacolo (più 13,4 per cento), che recuperano rispetto alla flessione a due cifre del 2014, per i componenti motore (più 9,4), i componenti undercar (più 4,6) e i materiali di consumo (più 2,5 per cento). Segno negativo solo per i componenti elettrici ed elettronici (meno 7,4 per cento), che già risultava in ribasso del 23,5 nel 2014.

“Se nel 2014 le uniche famiglie prodotto in crescita erano i componenti motore e i materiali di consumo, - ha commentato Paolo Vasone, Coordinatore della Sezione Aftermarket del Gruppo Componenti Anfia - sintomo di una tendenza degli automobilisti a concentrarsi sugli interventi di riparazione e manutenzione indispensabili o comunque urgenti, rimandando il più possibile gli altri, nel 2015 assistiamo a una ripresa per quasi tutte le famiglie. Il fatto che ci vorranno anni per rinnovare un parco circolante italiano molto invecchiato durante la crisi – a causa del continuo rinvio della sostituzione dei veicoli, che ha portato l’età media del circolante da 7,5 anni del 2003 a quasi 10 a fine 2014 – incide, almeno in parte, sulla domanda di riparazione.”

Un futuro roseo, dunque, per gli autoriparatori che devono però aggiornarsi per stare al passo con l’evoluzione delle tecnologie.

In primo piano
Come si cambia

18/09/2018 - Più lunghe, più larghe e sempre più straniere. I gusti degli italiani in fatto di automobili in 50 anni sono cambiati parecchio, come del resto l’offerta stessa che è cresciuta in modo esponenziale per arrivare a contare oggi 501 modelli contro gli 89 del 1968.

Leggi tutto
Maggiolino addio. Per sempre

15/09/2018 – Stavolta sarà veramente per sempre, almeno di ripensamenti in chiave elettrica dell’ultima ora. Ma, al momento, la decisione è questa: il 19 luglio del prossimo anno, dallo stabilimento Volkswagen di Puebla (Messico), l’unico rimasto a produrre la mitica vettura tedesca, uscirà l’ultimo Maggiolino.

Leggi tutto
Il Wltp dà un boost al mercato

8/09/2018 – Obbligatorio da questo 1° settembre e chiamato a sostituire l’attuale ciclo Nedc, il Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure (Wltp) è il nuovo metodo mondiale di controllo standardizzato per il rilevamento di consumi ed emissioni relativamente ad auto e furgoni.

Leggi tutto
Il web non passa l'esame

4/09/2018 – Nella ‘web era’ i siti internet delle case costruttrici non passano l’esame. È quanto emerge da un’analisi condotta da Forrester, azienda di ricerca e consulenza con presenza globale, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 dei principali marchi automobilistici in Europa: Audi, Bmw, Citroën, Ford, Mercedes-Benz, Nissan, Peugeot, Renault, Toyota, Vauxhall e Volkswagen, selezionati in base ai loro elevati volumi di vendita sia nel mercato di massa che nelle categorie di lusso.

Leggi tutto