Menu

Nota informativa 01-2017 - "Un’Associazione che innova. Una crescita costante. Una rete che funziona. Un sistema originale".

Un’Associazione che innova.

Una crescita costante. Una rete che funziona. Un sistema originale.

Volume d’affari di 507.403.802 euro nel 2016 con una crescita complessiva del 12,5% sull’anno precedente per AsConAuto: si conferma il successo del progetto.

Milano, 27  marzo 2017. Una formula innovativa a rete, ideata e attuata dall’Associazione in poco più di 15 anni di attività dalla fondazione per recuperare maggiore competitività in un mercato contraddistinto da una progressiva erosione dei margini, produce per il sistema AsConAuto, -Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto- livelli di servizio ottimizzati e risultati economici di rilievo con un livello di crescita che si dimostra senza cali negli anni, malgrado lo scenario economico difficoltoso.

Una crescita costante.

“L’Associazione è diventata ormai una realtà che coinvolge il 60 per cento delle concessionarie italiane nel sistema AsConAuto: un sistema rete che funziona. Sottolinea Fabrizio Guidi, presidente AsConAuto, che osserva: “I Consorzi dei concessionari hanno dato un contributo essenziale ai risultati ottenuti, attraverso una riflessione comune e un confronto permanente sulle sinergie praticabili e sui risparmi realizzabili, con un incremento di offerte e strumenti resi disponibili  nell’obiettivo di fidelizzare la clientela degli autoriparatori clienti”.

“Il nostro futuro ormai va visto in modo differente - dichiara Guidi - attraverso l’uso di nuovi strumenti, perché il nostro lavoro è cambiato in modo sostanziale. Oggi le nostre sedi sono soltanto un punto di arrivo nel rapporto con la clientela: i clienti hanno scoperto sulla rete un mondo nuovo che offre un’ampia possibilità di confronto e di consulenza sulle scelte. La comunicazione su Internet, il contatto tramite call-center sono attività quotidiane che precedono e accompagnano la firma del contratto ma l’attenzione al post-vendita e la offerta di servizi sono irrinunciabili”.

“Garantire un futuro di lavoro in un mercato sempre più competitivo, impone una ricerca permanente di risposte innovative, allineate al mercato che cambia e, oggi, -rileva Guidi - si può guardare al futuro  con fiducia. Il modello associativo funziona, così come la collaborazione con i partner storici, con più di 15 anni di successi all’attivo”.  “La creazione di una rete associativa permette di recuperare efficienza grazie a un sistema ottimizzato e di fornire servizi allineati alle richieste differenti di un mercato in profondo mutamento. Tutti i numeri della rete sono in aumento e voglio ricordare che tutti i Consorzi della rete associativa presentano risultati economici positivi nello scorso anno, a testimonianza del successo del sistema creato. I risultati registrati dalla nostra rete incassi confermano una crescita nazionale del volume d’affari del 12,5%, con il superamento della la soglia di 500 milioni di euro di ricambi originali fatturati: un esito che ci fa insistere negli sforzi intrapresi. La visione resta positiva”.

Una rete che funziona.

La rete associativa  creata, oggi, fa riferimento a 21 Consorzi e aree di distribuzione,  896  Concessionari con 1.461 sedi operative (totalità dei marchi rappresentati): una realtà in espansione a dimostrazione delle capacità  dell’Associazione di costituire  uno snodo centrale dei rapporti imprenditoriali tra chi  vende automobili  e chi  si prende cura della vettura nella fase post-vendita, come officine, elettrauto e carrozzieri.  Il sistema si è rivelato idoneo ad assicurare una crescita costante agli aderenti alla rete associativa, malgrado la forte crisi del settore automotive che si è manifestata tra il 2009 e il 2015 causando la chiusura del 40 per cento della rete dei Concessionari (stima AsConAuto).

La diffusione in modo capillare dei ricambi originali sul territorio e l’attivazione di un sistema commerciale e distributivo, che rende più snella la filiera distributiva e consente un recupero dei margini di redditività, caratterizzano il modello  ottimizzato per i  18.751 autoriparatori serviti sul territorio in 73 Province16 Regioni dalla rete associativa attraverso  un progetto innovativo, perfezionato nel tempo. 

AsConAuto aggrega Consorzi, organizzati su base territoriale, formati dalle Concessionarie che hanno come obiettivo una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente, a officine e a carrozzerie indipendenti. La creazione di sistemi specializzati, adeguati a esigenze logistiche diversificate in un processo continuo di valorizzazione delle risorse al servizio dell’automobilista e dell’intero settore automotive, permette al sistema AsConAuto livelli di servizio professionale di qualità elevata in una ottica di ottimizzazione dei processi. 

L’Associazione coordina le attività sul territorio attraverso un proprio modello distributivo innovativo, con un rapporto diretto e fidelizzato con la rete di autofficine servite. Oggi la rete associativa interviene con una forza qualificata di oltre 350 persone fra logistica e front office a supporto della rete AsConAuto: una realtà affermatasi come garanzia di affidabilitàcompetenza e professionalità

L’aggregazione di  Consorzi fa raggiungere al sistema AsConAuto  nel 2016 un volume d’affari di 507.403.802 euro con un aumento complessivo, rispetto all’anno precedente, del 12,5% su base nazionale. Va rilevato che tutti i Consorzi della rete associativa presentano risultati economici positivi nello scorso anno, a testimonianza della validità del sistema a rete. Nell'originale modello distributivo e gestionale, i Consorzi hanno stabilito un rapporto diretto e di reciproca fiducia con la rete di autofficine servite commercialmente, grazie ai servizi  forniti  che valorizzano le risorse esistenti presso ogni concessionaria. La rete garantisce in modo capillare sul territorio la presenza del maggior numero possibile di marchi automobilistici per fornire velocemente ricambi originali. L'Associazione permette così una maggiore competitività e favorisce migliori risultati economici

La creazione della rete incassi AsConAuto, perfezionatasi negli anni, fornisce agli associati uno strumento particolare di gestione efficace, grazie  alla emissione di un documento bancario unificato nei confronti delle officine per l’incasso di quanto dovuto ai singoli concessionari. Questo strumento permette non solo di avere facilità nei pagamenti dato che realizza un  canale unico fra dare e avere, ma   consente anche di mantenere un  controllo efficace sulle insolvenze. Infatti, nel momento in cui si traccia una posizione debitoria che non è stata perfezionata, il sistema informatico blocca il cliente o la concessionaria con una significativa protezione dal punto di vista finanziario. Per ogni cliente si registra un pagamento unico nella rete incassi e quindi una unica eventuale insolvenza, che potrebbe anche riguardare una decina di concessionari.

Un sistema originale.

AsConAuto continua a incentivare l’attività di promozione della vendita di ricambi originali,  a ottimizzare il progetto associativo, a potenziare il numero dei consorzi attivi nella rete, a sostenere la cultura del post-vendita e a studiare percorsi integrativi e innovativi in un processo di continuo miglioramento del sistema esistente e nella ricerca e approfondimento di soluzioni innovative all’interno del confronto associativo. 

I promoter. Ogni Consorzio affianca il concessionario nel raggiungimento degli obiettivi commerciali. All’interno della organizzazione dei consorzi sono  attive figure di promoter professionali: si tratta di un vero e proprio promotore commerciale  che non è dedicato a un singolo marchio ma a tutti i marchi. Il promoter assiste un parco clienti che segue e visita in modo continuativo per promuovere i ricambi originali di tutti i marchi e favorisce la relazione tra concessionari e autoriparatori in una ottica di fidelizzazione personalizzata. L’inserimento nella rete di una figura professionale diversa e originale di facilitatore di rapporti è uno strumento indispensabile per potenziare l'attività e aumentare le vendite.

Un altro aspetto della attività quotidiana sviluppata dal sistema AsConAuto che testimonia come i Consorzi non siano   nati  soltanto con obiettivi di  logistica integrata o dello sviluppo di poli logistici ma con una visione strategica innovativa,  focalizzata sulla migliore assistenza post-vendita  e sulla utilizzazione di competenze  qualificate per garantire  standard elevati.

Servizi alle Flotte. Sta mutando lo scenario delle vendite vetture e il noleggio a lungo termine è in continua crescita. Per questo, da tempo, AsConAuto ha definito strategia e costi perché il ricambio originale possa essere quello privilegiato da questi importanti operatori e per cercare di indirizzare verso le officine dei concessionari e la rete dei riparatori affiliati la manutenzione e la riparazione delle vetture delle principali flotte che operano nel nostro Paese.

Progetto PLS-Poli Logistici di Smistamento. Recenti ipotesi di ristrutturazione di alcune reti di concessionari inducono ad approfondire il progetto di magazzini di prossimità delle varie concessionarie. Grazie alla esperienza maturata in tutti questi anni e sulla base del progetto PLS-Poli Logistici di Smistamento elaborato dalla società GC - Gestione Consorzi, da sempre principale partner tecnico di AsConAuto, si sono create le condizioni per far nascere la prima esperienza di questo tipo nella provincia di Brescia.

 

Ascodealer Per dare maggiore vigore operativo, oltre che di elaborazione, a nuove ipotesi di lavoro così come a quelle già consolidate, si è scelto di dare uno sviluppo separato alle  sfide emergenti nel mercato attraverso la costituzione, nel 2016, di una nuova Associazione: Ascodealer, fondata per dare servizi dedicati alle aziende del settore automotive a integrazione del ruolo di Federauto. Il presidente eletto è Fabrizio Guidi. La prima sfida è davvero impegnativa: viene messo a disposizione della Rete dei Concessionari Italiani il primo contratto di lavoro per il settore Automotive.

Definito da un confronto fra la Confederazione Confimea - di cui Asconauto e Ascodealer fanno parte - e UGL.

Ascodealer è stata voluta come un’Associazione  aperta a tutti i concessionari e titolari di service, non solo a quelli legati ai Consorzi AsConAuto, per offrire  servizi dedicati alle aziende del settore automotive così da riuscire a incidere su regole e costi che riguardano le aziende  del comparto e si apre alla collaborazione con Federauto e  con tutte le componenti federative dei Concessionari.

 

Fondo AsConAuto Solidale. Istituito nel 2015 da AsConAuto, come Fondo presso la Fondazione Italia per il Dono, permette la raccolta di tutte le donazioni attivate da  iniziative  realizzate da  AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto e da quelle affluite  grazie a iniziative spontanee della rete associativa. Dal sostegno alle aziende alluvionate delle Cinque Terre. A quello verso la Caritas. A Cascia, a fianco di GC - Gestione Consorzi, per consegnare una vettura al Comune. Fino al finanziamento di un primo complesso del Campus AsConAuto che in Madagascar farà studiare centinaia di ragazzi.

Il Fondo AsConAuto Solidale è gestito da un Comitato ad hoc, nominato dall’Associazione, con l’obiettivo di essere strumento per la redistribuzione della ricchezza attraverso lo sviluppo e il sostegno di iniziative di utilità sociale nel rispetto di quanto stabilito nel Decreto Legislativo n. 460, 1997. 

In primo piano
Vogliamo il Superammortamento

21/11/2017 – Consentire a chi acquista autovetture nuove come beni strumentali di usufruire del Superammortamento anche nel 2018. È questa, in estrema sintesi la richiesta di Anfia, Aniasa, Assilea, Federauto e Unrae in rappresentanza dell'intero settore automobilistico nazionale, e con il supporto delle Confederazioni di riferimento, Confindustria e Confcommercio.

Leggi tutto
Tesla s’allarga ai truck

19/11/2017 – Non solo auto per Tesla che, lo scorso 16 novembre, con una ventina di giorni di ritardo rispetto a quanto annunciato in prima battuta (dove essere svelato il 26 ottobre), ha mostrato al pubblico un truck elettrico.

Leggi tutto
Al via con gli invernali

15/11/2017 - Il 15 novembre sono scattate le ordinanze di obbligo di circolazione con pneumatici invernali o catene a bordo.

Leggi tutto
L’automotive italiano cresce

12/11/2017 - Secondo i dati preliminari comunicati dall’Anfia (l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), nei primi nove mesi dell’anno in corso, la produzione italiana di autovetture registra una crescita del 5 per cento (oltre 560mila vetture), mentre il totale degli autoveicoli prodotti sfiora le 860mila unità, pari a una crescita del 3,5 per cento.

Leggi tutto