Menu

Comunicato Stampa 06 - 2016 - "I numeri di AsConAuto: crescita a 2 cifre: +14% rispetto all’anno scorso. Nel primo semestre il volume di affari registrato è di oltre 251 milioni di euro."

I numeri di AsConAuto:
crescita a
2 cifre: +14% rispetto all’anno scorso.
Nel primo semestre il
volume di affari registrato è di oltre 251 milioni di euro.

L’Associazione che innova, nel suo15° anno di attività, ribadisceil successo del progetto associativo.

Dal 1996 a oggi distribuiti ricambi originali per un valore che supera i 4 miliardi di euro.

Bologna, 11 ottobre 2016. Il sistema AsConAuto, nel 15° anno di attività, ribadisce nel primo semestre dell’anno la propria crescita a 2 cifre: +14 per cento rispetto al 2015 con un primo traguardo di oltre 251 milioni di euro di volume d’affari registrato e un primato di ricambi originali distribuiti per un valore netto che supera i 4 miliardi di euro.
Ogni giorno lavorativo la squadra composta da 92 promotori commerciali e da 259 furgoni addetti alla logistica della rete associativa percorrono in chilometri oltre il giro completo dell’equatore, a sostegno dell’affidabilità e puntualità del sistema AsConAuto nel presidiare in modo capillare il servizio di ricambi originali sul territorio.

“Noi che siamo proprietà degli 843 Concessionari, soci dei nostri 20 Consorzi, – osserva il presidente dell’Associazione Fabrizio Guidi-, sviluppiamo ogni anno il fatturato per i nostri autoriparatori, che ormai sono 17.490 e il primo semestre di risultati registrati ribadisce, ancora una volta, la crescita del volume d’affari che aumenta del 14% con un risultato che ha superato i 251 milioni di euro di ricambi originali fatturati. Dal 1996 a oggi sono stati distribuiti ricambi originali per un valore netto che oltrepassa i 4 miliardi di euro: un risultato che ci inorgoglisce. Un dato da rilevare con soddisfazione è che la rete incassi realizzata dall’Associazione garantisce una soglia d’insolvenza nella riscossione prossima allo zero”.

“Il supporto fornito dai ricambi è una parte essenziale del business dei dealer - continua Guidi - e lo sarà sempre di più, così come tutto il post-vendita“.
“I Consorzi dei Concessionari hanno dato un contributo essenziale ai risultati ottenuti, attraverso la diffusione su tutto il territorio nazionale, grazie alla riflessione in comune sulle possibili sinergie e sui risparmi realizzabili. Parlare di numeri, di previsioni e di risultati ha ampliato offerte e strumenti a disposizione, nell’obiettivo di fidelizzare la clientela degli autoriparatori clienti”.

La rete associativa interviene con una forza qualificata di circa 350 persone fra logistica e front-office a sostegno del sistema AsConAuto, ormai realtà consolidata e diffusa capillarmente sul territorio: garanzia di affidabilità, competenza e professionalità.

Una formula originale e innovativa, quella messa in atto dall’Associazione. AsConAuto, infatti, aggrega Consorzi, organizzati su base territoriale, formati dalle Concessionarie nell’obiettivo di realizzare una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente, per officine e carrozzerie indipendenti. La creazione di sistemi specializzati, adeguati a esigenze logistiche diversificate, in un processo continuo di valorizzazione delle risorse al servizio dell’automobilista e del mondo automotive, ha permesso al sistema AsConAuto livelli di servizio ottimizzati e risultati economici di rilievo.

Una diffusione capillare dei ricambi originali sul territorio e la messa in opera di un sistema commerciale e distributivo ottimizzato, localizzato in modo speciale nelle Regioni del centro-nord Italia, permettono uno snellimento della filiera distributiva e un recupero dei margini di redditività nel modello a rete. L’Associazione in questo modo ha assicurato la crescita costante, avvenuta malgrado la forte crisi tra il 2009 e il 2015 del settore automotive che ha visto la chiusura del 40% ca della rete dei Concessionari.

Creazione di servizi originali, costante ricorso alla innovazione e ricerca di nuove partnership garantiscono lo sviluppo efficace del progetto associativo e assicurano all’Associazione il primato europeo nel settore, rendendola un modello da seguire.

In primo piano
Vogliamo il Superammortamento

21/11/2017 – Consentire a chi acquista autovetture nuove come beni strumentali di usufruire del Superammortamento anche nel 2018. È questa, in estrema sintesi la richiesta di Anfia, Aniasa, Assilea, Federauto e Unrae in rappresentanza dell'intero settore automobilistico nazionale, e con il supporto delle Confederazioni di riferimento, Confindustria e Confcommercio.

Leggi tutto
Tesla s’allarga ai truck

19/11/2017 – Non solo auto per Tesla che, lo scorso 16 novembre, con una ventina di giorni di ritardo rispetto a quanto annunciato in prima battuta (dove essere svelato il 26 ottobre), ha mostrato al pubblico un truck elettrico.

Leggi tutto
Al via con gli invernali

15/11/2017 - Il 15 novembre sono scattate le ordinanze di obbligo di circolazione con pneumatici invernali o catene a bordo.

Leggi tutto
L’automotive italiano cresce

12/11/2017 - Secondo i dati preliminari comunicati dall’Anfia (l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), nei primi nove mesi dell’anno in corso, la produzione italiana di autovetture registra una crescita del 5 per cento (oltre 560mila vetture), mentre il totale degli autoveicoli prodotti sfiora le 860mila unità, pari a una crescita del 3,5 per cento.

Leggi tutto