Menu

AsConAuto: un progetto per competere e una formula vincente

Si conferma la crescita del giro d'affari dell'11,4% nel primo semestre di attività 2015

Bologna luglio 2015, La rete AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto è rappresentativa
dell'intera filiera nell'assistenza post-vendita e mantiene un costante tasso di crescita, infatti, nel 2014 è diventata
primo player italiano per i volumi di ricambi originali distribuiti e il giro d'affari ha superato i 404 milioni di euro (+
13,1% sul 2013) al netto di IVA. Anche il 2015 conferma la tendenza positiva nello sviluppo con il dato rilevato a fine
Giugno 2015 dal sistema AsConAuto che conferma un + 11,4% sull'anno precedente per un risultato del primo
semestre di attività pari a volumi per oltre 220 milioni di euro.

Nel mondo dei ricambi è la più grande Associazione d'Europa e lo testimoniano i numeri: 21 Consorzi, 788
Concessionari Auto con 1164 sedi operative, 81 marchi rappresentati, 14.363 auto riparatori, copertura di 51
Province e 15 Regioni.

Il volume d'affari dell'Associazione negli anni è salito sempre in modo esponenziale, con un risultato di oltre il 10%
l'anno.
L' allargamento della base associativa di AsConAuto, una migliore qualità e ottimizzazione del servizio fornito alla
clientela hanno permesso un abbattimento dei costi. Questa crescita avviene malgrado il comparto automotive, in questi
ultimi anni di forte crisi, abbia dovuto registrare la chiusura del 40% della rete dei Concessionari e da questa
drammatica constatazione è insorta la necessità di lavorare alla creazione di servizi innovativi e di ricercare nuove
partnership.

"Mettere a disposizione dell'universo AsConAuto strumenti in grado di rafforzare la posizione dei soci nel mercato, è
un nostro obiettivo permanente nel mercato attuale" - rileva il presidente dell'Associazione Fabrizio Guidi -.
"Noi abbiamo lavorato sulla qualità di chi serve l'auto, compresa la qualità dell'autoriparatore, continua Guidi, dando
servizi ma cercando anche risultati: un impegno sui numeri e un impegno di solvenza. E vogliamo evidenziare come, su
oltre 400 milioni di merce consegnata, noi abbiamo una insolvenza inferiore allo 0,4%". "Per potere garantire
un futuro di lavoro in un mercato sempre più competitivo, si devono trovare risposte innovative e adeguate
attraverso il lavoro, anche progettuale, sviluppato dalla nostra Associazione. Anticipando le mutate esigenze
della clientela grazie a una potenziata professionalità degli associati, anche tramite l'adozione di progetti formativi
innovativi, messi in cantiere da quest'anno, grazie a un fondo che permette a concessionari e agli autoriparatori di
accedere alla formazione finanziata".

Tra le innovazioni messe a disposizione da quest'anno per i Concessionari associati c'è anche "Carta Valore", una
piattaforma disponibile su qualsiasi tipo di applicazione sia pc, sia mobile, sia iPad e tablet. Una applicazione intuitiva
che permette un aggiornamento in tempo reale su quanto stiano fatturando l'associazione, il consorzio e la propria
società all'interno del consorzio, oltre a fornire informazioni sulle promozioni, a livello nazionale e a livello
locale, news e quant'altro riguarda il settore dell'auto.
Uno strumento ideato dall'Associazione per migliorare la circolazione delle informazioni e il potenziamento dello
scambio all'interno della rete associativa, a disposizione di Concessionari e responsabili post-vendita ed è in corso
lo sviluppo di una soluzione per venire incontro anche alle esigenze degli auto riparatori.
Ma ancora più significativi iniziano ad essere i risultati frutto dell'adesione alla Confederazione Confimea: è in
dirittura di arrivo il primo contratto di lavoro per il settore automotive. Oltre a una proposta associativa sui servizi
riservata ai Concessionari dal 1° gennaio 2016 e in seguito una proposta dedicata anche agli autoriparatori.

Volume d'affari 2014 + 13,1%: 404 milioni di euro. Primato in Italia e in Europa.

La rete AsConAuto è rappresentativa dell'intera filiera automotive nell'assistenza post-vendita e beneficia di una

crescita costante. In base ai dati di vendita del 2014 è diventata primo player italiano per i volumi di ricambi

originali distribuiti e il giro d'affari ha superato i 404 milioni di euro (+ 13,1% sul 2013) al netto di IVA.

Il modello di sviluppo associativo ha fatto conquistare ad AsConAuto, nel mondo dei ricambi, il primato in Europa,

come testimoniano i numeri.

20 Consorzi, 788 Concessionari Auto con 1164 sedi operative, 81 marchi rappresentati, oltre 15.000 auto

riparatori (10.319 officine meccaniche e 4.769 carrozzerie), flotta di 234 furgoni (una delle più grandi d'Italia), 85

promoter (venditore del ricambio che non è dedicato a un singolo marchio ma a tutti i marchi), copertura di 57

Province e 15 Regioni.

In primo piano
Fca scommette sulle old timer

24/02/2018 – Lanciato qualche settimana fa in occasione di Automotoretrò, kermesse torinese dedicata ai veicoli d’epoca, il programma ‘Reloaded by creators’ di Fca Group, che s’allinea quindi a quanto fanno già da tempo altri costruttori – soprattutto teutonici, Mercedes-Benz in testa -, ossia occuparsi in prima persona del recupero di vecchi esemplari targati Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth.

Leggi tutto
In rialzo la spesa per le revisioni

22/02/2018 - Quello delle revisioni continua a essere un bel business per chi ha scelto l’assistenza auto come professione. Nell’ultimo anno gli italiani per sottoporre a check obbligatorio le loro vetture hanno speso 2,95 miliardi di euro, il 2,8 per cento in più rispetto al 2016.

Leggi tutto
Sulle orme dei grandi

17/02/2018 – Una ‘singolar tenzone’ all’ultimo bullone. È questo ciò che attende i concorrenti dello Scania Top Team Mini, sfida locale che s’ispira alla nota competizione internazionale per meccanici del Grifone e che si terrà martedì 20 febbraio nella sede italiana della Casa svedese.

Leggi tutto
Costi per l’assistenza in crescita

14/02/2018 - Nel 2017 i prezzi pagati per l’assistenza degli autoveicoli in Italia sono aumentati mediamente dell’1,0 per cento rispetto al 2016. La notizia è stata diffusa dall’Osservatorio Autopromotec che ha analizzato le rilevazioni mensili dell’Istat sui prezzi al consumo.

Leggi tutto