Menu

AsConAuto – Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto: per l’Associazione nel 2014 giro d’affari in crescita del 13,1%

Le cifre dello sviluppo. Bilancio AsConAuto 2014 + 13,1%: 404 milioni di euro.
Lo sviluppo della rete AsConAuto-Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto,
rappresentativa dell'intera filiera automotive nell'assistenza post-vendita, è costante e ha
permesso di oltrepassare le attese nel 2014 con un giro d'affari che ha superato i 404
milioni di euro (+ 13,1% sul 2013) al netto di IVA.
Il fare sistema tra aziende di concessionari di marchi diversi per diminuire i costi
logistici e commerciali nel mondo della vendita dei ricambi originali attraverso un
processo di valorizzazione delle risorse esistenti sul territorio e tramite un efficiente
servizio di distribuzione centralizzata a officine e carrozzerie ha permesso, in poco più di
dieci anni dalla nascita dell'Associazione, il raggiungimento di esiti di vero successo al modello di sviluppo AsConAuto.


Nel mondo dei ricambi AsConAuto è la più grande Associazione d'Europa e lo affermano i numeri.
20 Consorzi, 788 Concessionari Auto con 1164 sedi operative, 81 marchi
rappresentati, oltre 15.000 auto riparatori (10.319 officine meccaniche e 4.769
carrozzerie), flotta di 234 furgoni (una delle più grandi d'Italia), 85 promoter
(venditore del ricambio che non è dedicato a un singolo marchio ma a tutti i marchi),
copertura di 57 Province e 15 Regioni.


Il mercato italiano dell'autoriparazione.
I concessionari sono diminuiti e così pure le officine autorizzate.
In Italia il parco circolante invecchia soprattutto per la diminuzione di immatricolazioni. Le
vetture a benzina hanno mediamente 12 anni e due mesi di vita, quelle a gasolio 7 anni e
7 mesi, quelle a benzina/GPL o benzina/metano poco più di 5 anni. Un parco circolante che
percorre 400 miliardi di chilometri all'anno, come quello italiano, ha bisogno
dell'intervento specializzato di meccanici e di carrozzieri, ma gli italiani ormai portano in
officina l'auto soltanto se si guasta e spesso non effettuano i lavori di carrozzeria per
risparmiare.
In previsione nel 2015 la domanda di assistenza sarà stabile anche perché il mercato
dell'autoriparazione è aciclico e tendenzialmente non presenta grandi impennate.


AsConAuto e Alphabet firmano un accordo quadro.
Noleggio e società contribuiscono all'immatricolato complessivo nel nostro
Paese raggiungendo insieme poco meno del 40 per cento e questi segmenti, che di solito
registrano le percorrenze maggiori, non possono essere sottovalutati dal mercato
dell'autoriparazione.
Oltre 262.000 sono state le auto immatricolate dalle società di noleggio, a breve e
lungo termine, nell'ultimo anno.
Il mercato del noleggio in Italia è in continua crescita e guadagna quote di mercato: nel
2014 ha contribuito al risultato complessivo dell'immatricolato con un 19,3% (cioè +1,6%
rispetto ai valori raggiunti nell'anno precedente).
Ecco perché AsConAuto ha sottoscritto un accordo quadro innovativo e importante, con
Alphabet, che preannuncia un successo tale da garantire lavoro continuativo a
concessionarie, officine e carrozzerie.

Come afferma il presidente dell'Associazione, Fabrizio Guidi: "Un segmento, il mercato del
noleggio, sempre più strategico e sul quale si devono focalizzare gli operatori del nostro
settore: concessionari, meccanici e carrozzieri.
Si tratta di un nuovo canale di fatturato e di una fonte di lavoro sicura, permanente e in
crescita nel quale AsConAuto ha stipulato un accordo quadro innovativo con uno dei più
qualificati operatori del settore: Alphabet, che in Italia possiede una flotta di oltre 25.000
auto, affidate da quest'anno per le operazioni di manutenzione e assistenza ai 130
Alphabet Point, la maggior parte dei quali sono all'interno della rete AsConAuto. Rapidità,
affidabilità, logistica AsConAuto e una sola fattura per tutti i ricambi acquistati attraverso
la rete incassi dell'Associazione diventano così prezioso supporto per l'efficienza della flotta
Alphabet in Italia".

In primo piano
Come si cambia

18/09/2018 - Più lunghe, più larghe e sempre più straniere. I gusti degli italiani in fatto di automobili in 50 anni sono cambiati parecchio, come del resto l’offerta stessa che è cresciuta in modo esponenziale per arrivare a contare oggi 501 modelli contro gli 89 del 1968.

Leggi tutto
Maggiolino addio. Per sempre

15/09/2018 – Stavolta sarà veramente per sempre, almeno di ripensamenti in chiave elettrica dell’ultima ora. Ma, al momento, la decisione è questa: il 19 luglio del prossimo anno, dallo stabilimento Volkswagen di Puebla (Messico), l’unico rimasto a produrre la mitica vettura tedesca, uscirà l’ultimo Maggiolino.

Leggi tutto
Il Wltp dà un boost al mercato

8/09/2018 – Obbligatorio da questo 1° settembre e chiamato a sostituire l’attuale ciclo Nedc, il Worldwide harmonized Light-Duty vehicles Test Procedure (Wltp) è il nuovo metodo mondiale di controllo standardizzato per il rilevamento di consumi ed emissioni relativamente ad auto e furgoni.

Leggi tutto
Il web non passa l'esame

4/09/2018 – Nella ‘web era’ i siti internet delle case costruttrici non passano l’esame. È quanto emerge da un’analisi condotta da Forrester, azienda di ricerca e consulenza con presenza globale, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 dei principali marchi automobilistici in Europa: Audi, Bmw, Citroën, Ford, Mercedes-Benz, Nissan, Peugeot, Renault, Toyota, Vauxhall e Volkswagen, selezionati in base ai loro elevati volumi di vendita sia nel mercato di massa che nelle categorie di lusso.

Leggi tutto