Menu

Comunicato N° 77 - Eletto il nuovo presidente AsConAuto

L'Associazione rinnova il proprio consiglio nel solco della continuità.

Fabrizio Guidi succede a Paolo Strabello alla guida di AsConAuto, l'associazione di consorzi che hanno come obiettivo la valorizzazione dei ricambi originali. Questo il Consiglio direttivo che lo affianca: Giorgio Boiani (vicepresidente), Massimo Milanese, Stefano Mor, Dario Soncina (consiglieri).

Toscano, 62, sposato con due figli, Guidi è presidente del consorzio Doc di Toscana e Liguria. L'attività imprenditoriale lo porta alla gestione del Gruppo Guidi: da oltre 40 anni è, assieme al fratello Marco, concessionario Mercedes, ed oggi anche dealer per i marchi Volkswagen Audi, Kia. Il consorzio, che presiede dal 2009, in crescita esponenziale, vanta oggi 42 concessionari soci e 700 clienti affiliati sulle province di Pistoia, Lucca, Massa-Carrara, La Spezia. "L'associazione ha davanti a sé importanti sfide - ha dichiarato - e la priorità è esprimere di più e meglio la forza di quei concessionari che oltre dieci anni fa hanno deciso di consorziarsi per promuovere l'uso dei ricambi originali. Quella di AsConAuto è una realtà che è oggi pienamente riconosciuta dalle Case automobilistiche (Guidi è membro della commissione post vendita di Mercedes Italia), grazie alla serietà e professionalità dimostrate in questi anni, e che può giocare un ruolo originale, nuovo e determinante a sostegno dei propri associati".

Di provata esperienza gli altri componenti del Direttivo. Il vicepresidente, Giorgio Boiani, è la figura di riferimento di Doc Lecco, uno dei più importanti consorzi della filiera. Cinquant'anni, tre figli e un cane (Peppo), Boiani era consigliere nella passata edizione e membro della commissione Comunicazione. Il suo entusiasmo e la sua poliedricità sono le doti che maggiormente verranno sollecitate in questo nuovo corso. Nel segno della continuità anche le nomine dei consiglieri Stefano Mor e Dario Soncina. Il primo, 37 anni, è presidente del consorzio Miro di Milano e vicepresidente AsConAuto dal 2010 al 2012, nonché service manager del Gruppo Malvestiti.

Dario Soncina, 50 anni, è forse la memoria storica di Asconauto: presidente dalla nascita (2001) al 2009, è attualmente presidente di AsConAuto Logistica, braccio operativo dell'associazione, nonché presidente (dal 1999) del consorzio di Bergamo e Brescia.

Massimo Milanese, 40 anni, chiude la squadra con qualifiche di alto profilo. Da sempre nell'azienda di famiglia, nata come officina meccanica e trasformata in Concessionaria nel 1964, ne assume la dirigenza come amministratore delegato nel 2000. Presidente del Consorzio Roe dal 2002 e consigliere in Asconauto Associazione ed Asconauto srl sin dalla costituzione, vede ora rinnovata la carica di consigliere e tesoriere dell'Associazione.

 

Ufficio Comunicazione
e-mail: comunicazione@asconauto.it

In primo piano
Service Day s’avvicina

14/10/2018 - Poco più d’un mese e s’alzerà il sipario sul quello che è il primo evento italiano dedicato alla filiera non solo degli autoriparatori, ma anche di tutti coloro che si occupano della cura e manutenzione dell'auto.

Leggi tutto
Revisioni, un bell’affare

12/10/2018 - Nel primo semestre del 2018 gli italiani per far revisionare le loro auto presso le officine autorizzate private hanno speso oltre 1,464 miliardi di euro, l’1,1 per cento in più dello stesso periodo 2017. A diffondere il dato è stato l’Osservatorio Autopromotec.

Leggi tutto
Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, fa alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Leggi tutto
Così non ci stiamo

3/10/2018 - Stop dal primo ottobre ai veicoli a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0, 1, 2, 3 in molti centri del Nord Italia e anche ai diesel Euro 4 in Emilia Romagna. Limitazioni che, fino al prossimo 30 marzo, interessano almeno 3,5 milioni di veicoli, tra autovetture (2,8 milioni) e furgoni (circa 700mila).

Leggi tutto