Menu

Comunicato N° 71 - Nasce Sincro Cagliari e Sud Sardegna uniti sul territorio per un futuro competitivo

AsConAuto, il miglior canale per la vendita di ricambi originali sul mercato nazionale, continua la sua espansione arrivando a coprire oltre 40 province italiane. Si è svolta, infatti, mercoledì 28 febbraio presso il Caesar's Hotel di Cagliari la presentazione del nuovo distretto - operativo dal 1° febbraio 2012 - Cagliari e Sud Sardegna di SINCRO, Società Cooperativa già attiva nelle province di Aosta - Torino, Ascoli Piceno - Macerata - Pescara, Viterbo e Bari.
A dare ulteriore lustro all'evento - oltre alla presenza di importanti partner di AsConAuto, come Exxon Mobil - ci ha pensato Marc Aguettaz, Amministratore Delegato di GIPA Italia, che ha fornito come sempre un interessante panoramica sul mercato del Post Vendita.

Congiunti dallo slogan "uniti sul territorio per un futuro competitivo" il Consorzio sardo rappresenta una nuova sfida per i Concessionari della Regione Autonoma della Sardegna che ribadiscono l'importanza dell'essere Dealer, dando rilevanza alla formazione del personale, alla creazione di servizi, al rispetto delle regole imposte dalla casa madre, offrendo garanzie superiori poiché certificate dalle case automobilistiche.

Una fase di start up degna di nota in quella che per estensione è la seconda isola del Mediterraneo: oltre 200 le Officine e le Carrozzerie affiliate e servite inizialmente da 3 furgoni. La logistica di Sincro Cagliari e Sud Sardegna è curata attualmente da 3 furgoni e 1 promoter che potranno contare sull'esperienza e le energie di Mauro Cogoni, il Capo Consorzio della nuova unità logistica delle province sarde di Cagliari, Carbonia Iglesias, Medio Campidano e rappresentata da 17 Dealer e che offre la copertura di gran parte del parco circolante con 29 marchi.

La realtà di SINCRO funziona secondo regole e standard ampiamente collaudati e implementati in oltre 15 anni di esperienza di Consorzi di Concessionari, permettendo agli Autoriparatori indipendenti di utilizzare solo ricambi originali e offrendo così garanzie maggiori all'utente finale. L'inizio incoraggiante sta consentendo di ottenere una forte visibilità sul territorio anche grazie all'attivazione di numerosi contatti spontanei che fanno presagire un rapido sviluppo della rete.

"L'idea di consorziarci ed entrare a far parte della Rete AsConAuto - spiega Nicola Vacca, Referente del distretto di Sincro Cagliari e Sud Sardegna - era da tempo nell'aria. Investire nel Post-Vendita è una scelta vincente ed AsConAuto ha saputo trasformare un'intuizione in un'organizzazione così funzionale alla vendita di prodotto da renderla protagonista di un mercato che oggi possiamo senz'altro definire fiorente. Ora più che mai l'unione fa la forza e la guida di un'importante e riconosciuta Associazione è un prestigioso valore aggiunto per il conseguimento dei nostri obiettivi."

In primo piano
Service Day s’avvicina

14/10/2018 - Poco più d’un mese e s’alzerà il sipario sul quello che è il primo evento italiano dedicato alla filiera non solo degli autoriparatori, ma anche di tutti coloro che si occupano della cura e manutenzione dell'auto.

Leggi tutto
Revisioni, un bell’affare

12/10/2018 - Nel primo semestre del 2018 gli italiani per far revisionare le loro auto presso le officine autorizzate private hanno speso oltre 1,464 miliardi di euro, l’1,1 per cento in più dello stesso periodo 2017. A diffondere il dato è stato l’Osservatorio Autopromotec.

Leggi tutto
Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, fa alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Leggi tutto
Così non ci stiamo

3/10/2018 - Stop dal primo ottobre ai veicoli a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0, 1, 2, 3 in molti centri del Nord Italia e anche ai diesel Euro 4 in Emilia Romagna. Limitazioni che, fino al prossimo 30 marzo, interessano almeno 3,5 milioni di veicoli, tra autovetture (2,8 milioni) e furgoni (circa 700mila).

Leggi tutto