Menu

Comunicato N° 69 - AsConAuto alla NADA 2012, all'insegna del knowledge sharing

Si è conclusa il 6 febbraio 2012, a Las Vegas, la 95° Nada Convention, il più importante evento mondiale dedicato ai Dealer ed AsConAuto, la più grande associazione d'Europa nel settore dei ricambi auto, era presente, per il quinto anno consecutivo, con la Delegazione Italiana - 60 Operatori della Filiera riuniti sotto l'egida comune di Italy@NADA, composta proprio da AsConAuto, da Quintegia e da Mobil 1.

La Nada Convention - che rappresenta più di 17.000 Dealer (il 91% del totale), 37.500 mandati di vendita e 1 milione di dipendenti - è certamente uno degli eventi più significativi dedicato ai Concessionari Auto e un'imperdibile occasione di informazione e aggiornamento, poiché riunisce i maggiori responsabili delle Case Costruttrici ed esperti automotive. Come sempre molti e di prestigio gli ospiti e i relatori come Sergio Marchionne (A.D. di Fiat e Chrysler), George W. Bush (43° Presidente degli Stati Uniti) e Aron Ralston (scalatore e ispiratore del film "127 ore"), che sono intervenuti sullo stato dell'industria automobilistica USA e mondiale, offrendo come prevedibile molti spunti di riflessione.

Oltre 50 workshop, di cui 6 con traduzione in italiano, nella "3 giorni di Las Vegas" hanno focalizzato l'attenzione su moltissimi argomenti di diverso genere come ad esempio massimizzare le performance dell'accettazione, dominare il mercato dell'usato, migliorare la propria profittabilità, approfondendo in particolare le tecniche di fidelizzazione e la qualità dei servizi offerti al cliente. Insomma, la Nada 2012 è stata non solo un'importante opportunità per confrontarsi con i colleghi americani che per primi stanno uscendo dalla crisi, ma soprattutto un momento rilevante per apprendere strategie innovative ed affrontare con qualche strumento in più un anno che in Italia si prospetta ancora difficile.

"La Nada Convention 2012 ha costituito nuovamente un'importante occasione di confronto con nuove ed efficaci strategie da poter adottare nel nostro Paese - afferma Giorgio Boiani, membro del Commissione Comunicazione e Consigliere di AsConAuto Associazione - e forti di questa esperienza, affrontiamo il 2012 con una marcia in più. Da questa esperienza si torna, infatti, sempre arricchiti e sicuri di aver intensificato il dialogo, scambiato expertise, tendenze e idee inerenti al trend di altri mercati diversi dal nostro, autogenerando motivazione per amministrare meglio le nostre imprese ogni giorno. Il nostro obiettivo è anche quello di offrire nuove spunti ai nostri colleghi Concessionari per migliorare i loro margini di profitto nel Post Vendita. Il networking è la chiave di volta per rimanere in piedi in questo mercato turbolento e il modello di business di AsConAuto rappresenta appieno questo spirito, tanto da essere riconosciuto come il miglior canale per la vendita dei ricambi originali sul mercato nazionale."

Approfondimenti:

Scarica la selezione di fotografie in alta risoluzione cliccando qui >>>

In primo piano
Bonus-Malus emissioni: è caos

9/12/2018 – Poche idee ma confuse. Questo è il sunto delle ultime decisioni governative nazionali in tema di tasse automobilistiche, già tra le più alte d’Europa.

Leggi tutto
Mercato auto ancora giù

6/12/2018 - Flette anche a novembre il mercato dell’auto in Italia. Le immatricolazioni si sono fermate a 146.991 unità facendo registrare un meno 6,3% su novembre 2017. Nei primi 11 mesi dell’anno si è arrivati a quota 1.785.722, meno 3,5% su gennaio-novembre di un anno fa.

Leggi tutto
Il Gruppo Psa fa cassa

2/12/2018 - Toyota e Psa hanno annunciato il prossimo passo della loro partnership nel mercato europeo, iniziata nel 2012 con la generazione precedente del furgone ProAce, prodotto in Francia alla Sevel Nord.

Leggi tutto
La fattura diventa elettronica

26/11/2018 – Partito il countdown per la fatturazione elettronica che diverrà obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2019 come da Legge di Bilancio 2018. Una misura attraverso la quale Agenzia delle Entrate e Governo puntano da una parte a ridurre l’evasione, dall’altra a semplificare la macchina fiscale con una riduzione degli adempimenti.

Leggi tutto