Menu

Comunicato N° 61 - AsConAuto una realtà in costante crescita

Le ripercussioni della crisi economica mondiale - che ormai da molti mesi sta attanagliando il settore Automotive - non sembra riuscire ad arrestare il successo di AsConAuto, l'Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto che riunisce oltre 700 Concessionari e una rete di circa 10.000 Autoriparatori (officine, carrozzerie ed elettrauto). La più grande realtà consortile d'Europa continua, infatti, a registrare una costante crescita e il fatturato generato dai Concessionari aderenti ai Consorzi lo conferma: nell'ultimo anno il giro d'affari derivante dalla distribuzione dei ricambi originali alla rete degli Autoriparatori aderenti ad AsConAuto é aumentato di oltre il 20%.

In soli sei anni l'Associazione ha più che raddoppiato il fatturato a dimostrazione che sta perseguendo e mantenendo un obiettivo che è assolutamente nelle sue potenzialità: classificarsi come miglior canale per la vendita dei ricambi originali sul mercato nazionale.

"140 milioni di Euro nel 2004, oltre 218 nel 2006 e 288 nel 2010. Una progressione di fatturato importante - afferma Paolo Strabello, Presidente di AsConAuto - che conferma, senza dubbio, che investire nel Post-Vendita è vincente: il nostro gruppo di lavoro, in tempi non sospetti, ha saputo trasformare un'intuizione in un'organizzazione così funzionale alla vendita di prodotto da renderla protagonista di un mercato che oggi possiamo senz'altro definire fiorente"!

Il successo di AsConAuto poggia le sue basi su una struttura a rete che vede Concessionari e Autoriparatori collaborare di concerto e a stretto contatto, costituendo una realtà che dal 2001 continua la sua espansione, affinando, anno dopo anno, tecniche e ingranaggi della sua organizzazione interna, creando le condizioni più opportune per una funzionale integrazione degli attori coinvolti. Convenzioni ed alleanze con Partner strategici sono continui anelli che sistematicamente vengono aggiunti ad una catena organizzativa che genera servizi ad hoc, nuove risorse operative e nuovi strumenti di upgrading prestazionale per le Aziende Associate ed Affiliate.

I Consorzi sono l'anima dell'Associazione, il cui impegno operativo ed organizzativo sul territorio richiama altro interesse imprenditoriale e altre aree da servire: infatti dal 1° aprile, Sincro, la cooperativa già attiva a Torino, Macerata e Pescara, amplierà i suoi servizi a Viterbo e provincia, "aprendo" il territorio di conquista di AsConAuto al Lazio e alla congiuntura meridionale della penisola. Una fase di start up degna di nota: 150 le Officine servite con un orizzonte di ampliamento esponenziale. Federico Marcoccia, della Concessionaria Centrauto, è il Coordinatore della nuova unità logistica del viterbese, rappresentata da 9 Dealer, per un totale di 14 marchi rappresentati, permettendo così un'ottima copertura del parco auto circolante.

 

Per ulteriori informazioni:
Ines Boccato Winchell | e-mail: ines.boccato@asconauto.it
Responsabile Pubbliche Relazioni AsConAuto

Carolina Scrinzi | e-mail: carolina.scrinzi@asconauto.it
Responsabile Ufficio Stampa AsConAuto

Coordinamento Ufficio Comunicazione:
Thomas Tartaglino | e-mail: comunicazione@asconauto.it
Tel. +39 011 2730357 | Fax. +39 011 2741758

In primo piano
Service Day s’avvicina

14/10/2018 - Poco più d’un mese e s’alzerà il sipario sul quello che è il primo evento italiano dedicato alla filiera non solo degli autoriparatori, ma anche di tutti coloro che si occupano della cura e manutenzione dell'auto.

Leggi tutto
Revisioni, un bell’affare

12/10/2018 - Nel primo semestre del 2018 gli italiani per far revisionare le loro auto presso le officine autorizzate private hanno speso oltre 1,464 miliardi di euro, l’1,1 per cento in più dello stesso periodo 2017. A diffondere il dato è stato l’Osservatorio Autopromotec.

Leggi tutto
Il ‘blocco’ dei diesel secondo Boiani

7/10/2018 – In un interessante articolo pubblicato qualche giorno dal quotidiano milanese Il Giornale, Giorgio Boiani, vicepresidente di AsConAuto, fa alcune considerazioni sul blocco degli Euro 3 diesel (in Emilia Romagna perfino degli Euro 4 privi di Fap) andato in vigore lo scorso 1° ottobre in buona parte del Norditalia.

Leggi tutto
Così non ci stiamo

3/10/2018 - Stop dal primo ottobre ai veicoli a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0, 1, 2, 3 in molti centri del Nord Italia e anche ai diesel Euro 4 in Emilia Romagna. Limitazioni che, fino al prossimo 30 marzo, interessano almeno 3,5 milioni di veicoli, tra autovetture (2,8 milioni) e furgoni (circa 700mila).

Leggi tutto